mercoledì 23 agosto 2017 15:47:43
omniroma

Welfare, da Pisana ok a riforma sui servizi sociali
Zingaretti: “Ora il Lazio è una regione più giusta”

16 luglio 2016 Cronaca, Politica

Dopo 16 anni nel Lazio arriva la nuova riforma sul welfare. Ok in nottata. 

Il Consiglio regionale del Lazio, presieduto da Daniele Leodori, ha approvato la proposta di legge n. 88 del 2013 che riforma i servizi sociali, finora regolati da una norma del 1996. Al termine di due giorni consecutivi di lavori d’Aula, hanno votato a favore del provvedimento 28 consiglieri. Sette i contrari, sei gli astenuti. Obiettivo della riforma è definire un modello di welfare regionale più aperto alla partecipazione dei soggetti pubblici e privati che operano nel sociale; più efficiente ed efficace sotto il profilo della programmazione, dell’organizzazione e della gestione dei servizi; più attento ai bisogni delle persone più deboli e fragili sia dal punto di vista sociale che sanitario. Il Lazio potrà così contare su un welfare ‘plurale’, con un sistema allargato di governo basato sulla gestione dei servizi da parte dei comuni in forma associata. Terzo settore, associazionismo, cooperazione e impresa sociale saranno chiamati ad una partecipazione sistematica alla definizione degli interventi per promuovere la progettualità e l’innovazione sociale. Strumento privilegiato della programmazione delle politiche sociali sul territorio del Lazio sarà il Piano sociale regionale. Nascerà inoltre il Sistema informativo dei servizi sociali della Regione (Siss). Prevista, poi, una serie di strumenti per garantire la qualità degli interventi e dei servizi. La nuova legge viene finanziata, per l’anno in corso, attingendo ai capitoli di spesa già iscritti nelle disponibilità del 2016 dell’assessorato alle Politiche sociali, per circa 150 milioni di euro, di cui 80 derivanti da assegnazioni statali, 25 da risorse comunitarie. Il testo, di iniziativa di Giunta e composto inizialmente da 71 articoli si ispira ai principi della legge quadro nazionale 328/2000. Circa 170 (sui 764 inizialmente depositati) gli emendamenti approvati nel corso dell’esame della proposta. Due, invece, gli articoli aggiuntivi che hanno ricevuto il via libera dell’Aula. L’articolo 6 bis, proposto da Forza Italia, riconosce una serie di diritti degli utenti: una compiuta informazione sulla disponibilità delle prestazioni socioassistenziali e sulle modalità di erogazione; la riservatezza e il segreto professionale degli operatori; la partecipazione alla scelta delle prestazioni. L’articolo 9 bis, presentato del Movimento 5 stelle, disciplina le politiche in favore di bambini e adolescenti per la prevenzione e il trattamento del disagio psicopatologico. L’ultimo articolo ad essere esaminato, dopo essere stato accantonato, ha riguardato l’integrazione e l’inclusione sociale delle persone immigrate, inclusi Rom, Sinti e Camminanti. Una misura aspramente contestata dall’opposizione di centrodestra, che a più riprese aveva invece tentato di introdurre dei meccanismi premianti a vantaggio di residenti comunitari, specie nel caso di scarsità di risorse disponibili. Soddisfazione è stata espressa dal Governatore Nicola Zingaretti. Il Lazio era una delle pochissime Regioni italiane a non aver mai recepito la legge 328 del 2000 sui servizi sociali. Ora questa legge è stata approvata dal nostro Consiglio regionale, e così da oggi il Lazio è una regione più giusta. Si tratta di una riforma storica, che rimette al centro il tema dei diritti e dell’universalità del welfare, un valore non negoziabile. Con questa legge riorganizziamo l’intera rete dei servizi sociali regionali rendendoli più efficienti ed efficaci sotto il profilo della gestione, della programmazione e della spesa, con una maggiore attenzione ai bisogni delle persone più deboli sia dal punto di vista sociale che sanitario. Il sistema regionale del welfare riformato garantirà infatti un raccordo più forte fra gli interventi sociali e quelli sanitari a livello di programmazione, organizzazione, erogazione e finanziamento. Finora si era avuto un sostanziale scollamento tra sistema sociale e sanitario, con una cattiva qualità degli interventi e un conseguente spreco di risorse”. Lo dichiara in una nota il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. “Questa riforma – aggiunge – porterà a una pianificazione strutturata, ragionata e partecipata delle scelte di politica sociale. Tre anni fa, nei primi cento giorni di questa Giunta, abbiamo avviato un enorme percorso di ascolto e di scrittura partecipata di questa riforma, coinvolgendo tantissimi sindaci, amministratori, dirigenti e funzionari del servizio sociale territoriale, tutte le associazioni di categoria degli operatori, i sindacati, le associazioni, la cooperazione, i cittadini. Ne è nata una proposta affidata dalla Giunta al Consiglio ed implementata in VII Commissione, dopo un grande numero di audizioni e di sedute, in un clima di collaborazione, per il quale desidero ringraziare i consiglieri regionali, e si è arrivati all’approvazione condivisa di molti importanti emendamenti migliorativi del testo di partenza. E’ grazie a questa partecipazione così ampia, sia della società civile, sia dei diversi schieramenti presenti in Consiglio, che questa è la riforma attesa e richiesta da tanti”.