mercoledì 20 settembre 2017 22:02:03
omniroma

Università, oggi test medicina e chirurgia Blitz studenti al Miur e in atenei romani

8 settembre 2015 Senza categoria

Blitz al Miur di Unione degli universitari e Rete degli Studenti Medi, e a La Sapienza e Tor Vergata di Link Roma. Sono le iniziative che hanno aperto il giorno dei test di medicina e chirurgia previsti per quasi diecimila studenti in tutta Italia. “I corsi a numero chiuso, 1.687 su 4.311 nel 2014, ben 1846 su 4234 quest’anno, passando dal 39%, al 43,5% del totale; una crescita di quasi il 5% – dichiarano in una nota Udu e Rete Studenti Medi – Mentre gli immatricolati diminuiscono continuamente, gli atenei sono sempre chiusi, anche per colpa dei criteri ministeriali e della mancanza di docenti. Oggi quasi diecimila studenti parteciperanno ai test di medicina, l’ennesima lotteria sul loro futuro; come Unione degli Universitari e Rete degli Studenti Medi oggi ci mobiliteremo per rivendicare il diritto all’accesso libero e difendere l’università pubblica a partire dal nostri Blitz notturno davanti al Miur con il quale abbiamo voluto palesare le criticità del sistema d’accesso universitario”. Mentre “gli studenti e le studentesse di Link Roma, hanno organizzato azioni di protesta contro il test di Medicina e Chirurgia negli atenei di Sapienza e Tor Vergata”, riferisce una nota dell’organizzazione.
“Mentre aspettiamo di conoscere quelle che saranno le intenzioni di riforma dell’Università da parte del governo Renzi – dichiara Federica Ciarlariello, coordinatrice di Link Sapienza – ci troviamo ad assistere ancora una volta ad un test assolutamente iniquo, che, nonostante le promesse del Ministro, conferma la tendenza ad una progressiva chiusura dei corsi universitari, con un’ulteriore riduzione dei posti a cui abbiamo assistito quest’anno. Se questa situazione nei prossimi anni non dovesse mutare, nei prossimi anni vedremo uno squilibrio pesantissimo tra pensionamenti nel settore medico e l’ingresso di giovani specializzandi, andando a ledere direttamente un diritto fondamentale come quello alla salute. Non possiamo accettare che di tale questione si faccia una discussione meramente finanziaria, con la previsione di altri tagli da parte del governo Renzi nella Legge di Stabilità”.
“E’ assurdo che gli studenti e le studentesse siano costretti a competere tra loro per accedere ad un corso di laurea. L’istruzione è un diritto e l’Università deve essere aperta a tutti e senza barriere – dichiara Camilla Guarino, dell’esecutivo di Link Roma – Invece oggi l’assenza di un sistema di diritto allo studio efficace, i costi dell’istruzione e questi assurdi test d’ingresso negano a tantissimi studenti la possibilità di proseguire gli studi”. (8 settembre 2015)