giovedì 17 agosto 2017 09:45:43
omniroma

Terremoto devasta Centro Italia
Amatrice e Accumoli tra le più colpite

24 agosto 2016 Cronaca

Alle 3.36 la prima scossa, quella più potente di magnitudo di 6.0. poi una sequenza infinita di repliche, in una ristretta zona al confine tra Lazio, Abruzzo e Umbria. Un violento terremoto nella notte ha distrutto una vasta area dell’Italia centrale, le località più colpite sono quelle di Amatrice e Accumoli in provincia di Rieti, dove ci sono stati crolli e, purtroppo vittime. Sul posto si stanno concentrando, fin dai primi momenti, le colonne mobili dei soccorritori, tra cui quella della protezione civile della Regione Lazio, presente ad Amatrice anche con il governatore Zingaretti. Il terremoto è stato avvertito in tutto il centro Italia. Finora 120 i morti accertati. Tra le vittime ci sono anche bambini. Evacuato l’ospedale di Amatrice, ormai inagibile, mentre i pazienti sono stati trasferiti all’ospedale di Rieti.

“Ho girato per il paese e per le sue frazioni, è tutto un crollo, a vista tutte le case sembrano inagibili, serviranno tendopoli per tutta la popolazione”. Lo ha dichiarato a RaiNews24 Stefano Petrucci, sindaco di Accumoli.  “Vicini alle vittime del #terremoto, solidarietà ai cittadini, grazie a chi sta soccorrendo. Roma è al vostro fianco”, ha scritto su Twitter il sindaco.

“Chi non ha avuto problemi del terremoto deve essere partecipe, non intasare la viabilità utilizzata dai mezzi di soccorso. Alle persone colpite chiedo di affidarsi alle istituzioni. È un momento momento difficile”. Così il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio.

Papa Francesco, in piazza San Pietro per l’udienza del mercoledì, ha rivolto un pensiero al terremoto che ha colpito il centro Italia invitando i fedeli a pregare per le vittime. “Nel ringraziare volontari e operatori della protezione civile – ha detto – vi chiedo di unirvi a me nella preghiera affinché il Signore Gesù che sempre si è commosso davanti al dolore umano, consoli questi cuori addolorati e doni loro la pace per intercessione della Beata Vergine Maria. Lasciamoci commuovere con Gesù, dunque rimandiamo alla prossima settimana la catechesi di questo mercoledì e vi invito a recitare con me, per questi nostri fratelli e sorelle, parte del Santo Rosario”.

Il sindaco di Roma Virginia Raggi alle 10:30 in Campidoglio incontrerà protezione civile, vigili fuoco e vigili urbani per il punto sull’emergenza terremoto e incendi. Presenti il vicesindaco e tutti gli assessori. Annullati gli appuntamenti del sindaco previsti in giornata.

“Non lasceremo nessuno da solo, nessuna famiglia, nessun Comune, nessuna frazione”. Così il premier Matteo Renzi in conferenza stampa a palazzo Chigi parlando del terremoto in Italia centrale. “Nel tardo pomeriggio – ha aggiunto – visiterò personalmente le zone interessate e deciderò le riunioni operative con le strutture interessate, i presidenti delle Regioni, con il dipartimento della protezione civile, con il ministro delle Infrastrutture e molte altre rappresentanze istituzionali”.

“Vorrei che il primo pensiero di queste ore – ha affermato Renzi – andasse alle famiglie delle vittime, di chi ha perso un familiare, nel tragico terremoto di stanotte, e di chi sta vivendo ore drammatiche nella speranza di riabbracciare i propri cari. L’Italia piange i propri cari e mostra le lacrime del dolore, ma anche il cuore grande e generoso del volontariato, della protezione civile e delle istituzioni che si è messo in moto fin dalle prime ore della notte”.