lunedì 25 settembre 2017 13:46:31
omniroma

UCCISO DURANTE FESTINO, FOFFO E PRATO TENTARONO RIPULIRE SCENA DELITTO

7 marzo 2016 Cronaca

Manuel Foffo e Marco Prato, i due studenti non ancora trentenni accusati di aver massacrato il ventitreenne Luca Varani avrebbero tentato di “ripulire” la scena del delitto, gettando in un cassonetto gli abiti della vittima e il suo telefono cellulare, desistendo poi dal completare l'opera. Stando a quanto si apprende, i vicini di casa non avrebbero sentito rumori o grida provenire dall'appartamento nelle ore in cui sarebbe stato consumato l'omicidio. Una circostanza che troverebbe riscontro nel fatto che Varani sia stato prontamente ridotto all'impossibilità di reagire o di parlare dai suoi aguzzini. Dopo l'uccisione, i due sarebbero rimasti per alcune ore in casa insieme al cadavere. Solamente sabato mattina, incontrando il padre in occasione del funerale dello zio, Foffo avrebbe confidato l'accaduto al genitore e poi ai carabinieri. Prato, invece, una volta lasciato l'appartamento di via Giordani, nel quartiere collatino, ha cercato rifugio in un albergo di piazza Bologna, dove ha tentato il suicidio con un mix di barbiturici e alcol, prima di essere rintracciato dai carabinieri anche grazie alle indicazioni del complice.