giovedì 14 dicembre 2017 04:08:03
omniroma

TRUFFE, RICETTAVA ASSEGNI RUBATI: ARRESTATO IMPRENDITORE

8 marzo 2016 Cronaca

Si tratta di un imprenditore napoletano di circa 50 anni, responsabile di ricettazione di assegni rubati, falsità materiale e sostituzione di persona. L’arresto è arrivato in nottata, al termine di una lunga e complessa attività di indagine condotta dagli agenti della Polizia di Stato del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma, in collaborazione con Poste Italiane. Il tutto è partito da una serie di denunce di alcuni cittadini, presentate in varie località del territorio nazionale dal 2014 ad oggi, tutte vittime di sottrazione e negoziazione di assegni in frode, nonché di furto di identità. Gli assegni, una volta immessi nel circuito postale dalle compagnie assicurative a titolo di rimborso per sinistri stradali, venivano intercettati e trafugati da dipendenti postali complici, presso i vari Centri di Meccanizzazione Postale. Successivamente il malvivente si recava presso diversi istituti di credito, in differenti località, dove riscuoteva gli assegni presentando falsi documenti intestati ad altrettante vittime. Ammonta a circa 100mila euro il totale delle somme indebitamente sottratte dal ricettatore. Questi i consigli della Polizia di Stato nel caso di assegni rubati o smarriti: darne tempestiva comunicazione all’istituto di credito emittente, in modo che sia allertata qualora l’assegno venga presentato all’incasso. Per chiederne il blocco, occorre fornire copia della denuncia di perdita dell’assegno; sporgere immediata denuncia alla Polizia di Stato o ai Carabinieri; presentare ricorso al Presidente del Tribunale del luogo in cui l’assegno è pagabile o del luogo in cui l’intestatario dell’assegno ha il proprio domicilio (c.d. ammortamento). Nel ricorso, che deve indicare i requisiti essenziali del titolo (numero, data, importo, banca, intestatario), deve essere fatta richiesta al giudice una dichiarazione di inefficacia dell’assegno smarrito, rubato o andato distrutto e di autorizzare il pagamento da parte della Banca.
L’assegno bancario emesso con la clausola 'non trasferibile' non è soggetto ad ammortamento. Il suo intestatario potrà invece, a proprie spese, chiedere un duplicato denunciando la perdita alla Banca e al sottoscrittore.