sabato 23 settembre 2017 18:16:28
omniroma

Tra schierati e no comment
Per chi vota ex giunta Marino

4 marzo 2016 Omniparlamento, Politica

Tre voti andranno a Morassut, uno a Giachetti, per il resto non sembra esserci grande voglia di esporsi circa le primarie del centrosinistra che si terranno domenica. Sono pochi, tra gli ex assessori della giunta di Ignazio Marino, quelli che hanno voglia di parlare di una sfida, quella di dopodomani, che è comunque figlia della fine traumatica dell’esperienza di governo del chirurgo genovese. Lui stesso, qualche settimana fa, aveva espresso il suo no fermo sia alla partecipazione come candidato sia come elettore alle primarie, definendole “una consultazione farsa”.

Tra quelli che non hanno dubbi c’è però il suo braccio destro, quella Alessandra Cattoi rimasta al suo fianco anche nei momenti più drammatici della caduta. “Domenica sarò a Milano per un impegno preso in precedenza, non so se riuscirò a rientrare in tempo per votare. Ma nel caso voterei Morassut – ha detto Cattoi, ex assessore al Patrimonio – perché è più vicino alla mia visione di città e più affine al modo con cui ho vissuto il mio mandato”. Stessa scelta per l’ex assessore all’Ambiente il cui nome è circolato fino a qualche tempo fa per la corsa al Campidoglio, Estella Marino. Posizione netta anche per l’ultimo assessore al Turismo, Luigina Di Liegro: “Andrò certamente a votare. Morassut e Giachetti sono due candidati di grande spessore ma a un certo punto bisogna fare una scelta: voterò ovviamente Giachetti”. “Vado a votare, sto aiutando entrambi i ‘Roberti’ e chiunque vincerà continuerò ad aiutarlo – ha risposto l’ex vicesindaco e assessore al Bilancio della Giunta Marino, il deputato Pd Marco Causi – Il mio voto personale come elettore andrà a Roberto Morassut, anche per motivi di amicizia con una persona insieme alla quale ho lavorato diversi anni”.
Si dice indeciso sulla scelta tra Morassut e Giachetti invece Maurizio Pucci. “Andrò sicuramente a votare ma sono ancora indeciso e deciderò all’ultimo momento. I due ‘Roberti’ – ha detto l’ex assessore ai Lavori pubblici – sono entrambe persone gradevoli di grande valore quindi è una scelta difficile”.
Non andrà proprio ai seggi invece l’assessore all’Urbanistica uscente, Giovanni Caudo: “Nessuna delle candidature mi pare incarni le esigenze di cui la città ha bisogno. Sembrano più primarie di posizionamenti all’interno del Pd”.
“Per mia fortuna vivo e voto a Torino”, ha commentato ironico l’ex assessore ai Trasporti Stefano Esposito. E alla domanda su chi sceglierebbe se vivesse a Roma, il senatore ha precisato che, in quanto commissario del Pd a Ostia non può schierarsi. Stesso “problema tecnico” per Marco Rossi Doria: “Sono cittadino di Napoli. Non ho diritto di voto a Roma”. Come lui il primo “assessore alla legalità”, Alfonso Sabella, che invece non voterà, ha spiegato, “perché faccio il magistrato” a Napoli.
Chi invece non vuole proprio parlare di politica e primarie è infine l’ex assessore alla Cultura, Giovanna Marinelli, che interpellata ha risposto con un secco no comment.