giovedì 21 settembre 2017 23:12:19
omniroma

Terremoto magnitudo 4.2 vicino Amatrice
Protezione civile: “Nessun danno”

22 luglio 2017 Cronaca

Un terremoto di magnitudo ML 4.2 è avvenuto nella zona tra Lazio e Abruzzo alle ore 4.13 ad una profondità di 14 km. Il terremoto è stato localizzato dall’Istituto
nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Nel raggio di dieci chilometri dall’epicentro si trovano i comuni di Campotosto (Aquila a tre chilometri); Capitignano (Aquila a sei chilometri); Amatrice (Rieti a otto chilometri) Montereale (Aquila a nove chilometri). A seguito dell’evento sismico, la Protezione civile “si è messa in contatto con le strutture locali del Sistema nazionale di protezione civile – si legge in una nota – Dalle verifiche effettuate, l’evento – con epicentro individuato tra i comuni di Campotosto, Capitignano e Amatrice – è risultato avvertito dalla popolazione, ma non sono stati segnalati al momento danni a persone o cose””L’evento si colloca in un’area a pericolosità sismica molto elevata e va considerato come un evento appartenente alla sequenza sismica di Amatrice-Norcia-Visso, legata all’estensione in atto lungo la catena appenninica – si legge in una nota di Ingv – L’evento sismico di questa notte ha interessato l’estremità meridionale dell’area attivata dalla sequenza sismica di Amatrice-Norcia-Visso ed è avvenuto a pochi chilometri a nord-est rispetto alle 4 scosse di magnitudo uguale e maggiore di 5.0, avvenute il 18 gennaio 2017 tra Barete e Capitignano, sempre in provincia dell’Aquila: magnitudo Mw 5.1 ore 10.25 italiane; Mw 5.5 ore 11.14 italiane; Mw 5.4 ore 11.25 italiane, Mw 5.0 ore 14.33 italiane). Dopo il 18 gennaio 2017, in questa specifica parte dell’area attivata dalla sequenza di Amatrice-Norcia-Visso, non sono state registrate altre scosse di magnitudo uguale o superiore a 4.0 prima di quella odierna. Nella settimana precedente la scossa di oggi, questa parte dell’area complessivamente attivata dalla sequenza sismica di Amatrice-Norcia-Visso non ha mostrato un’attività sismica superiore alla media se non nella giornata di ieri, quando sono state registrate 26 scosse (5 di magnitudo uguale o superiore a 2.0) in un’area di 10 km di raggio in prossimità dell’evento odierno. Ricordiamo che la sequenza di Amatrice-Norcia-Visso è ancora attiva e nell’area interessata si continua a registrare una sismicità ben superiore a quella di fondo (507 scosse nella settimana dal 10 al 17 luglio e 532 la settimana precedente). A seguito della scossa delle ore 04:13 italiane di magnitudo Ml 4.2, fino alle ore 09:00 italiane, sono state registrate 22 scosse (3 di magnitudo maggiore o uguale a 2) in un raggio di circa 10 km dall’epicentro e con magnitudo massima 2.4 alle ore 4:16 italiane. Il terremoto di oggi, secondo i dati accelerometrici disponibili al momento, ha fatto registrare valori di scuotimento corrispondenti ad un’intensità strumentale su terreno roccioso fra il V e il VI grado della scala MCS. Questo andamento è in discreto accordo con i risultati dei questionari arrivati fino a questo momento sul sito http://www.haisentitoilterremoto.it/. Il terremoto di questa notte è stato risentito nella città dell’Aquila, nella parte orientale della provincia dell’Aquila e della Regione e nel reatino. Di seguito la mappa (aggiornata alle ore 08:49) con la distribuzione del risentimento sismico espressa in scala MCS (Mercalli-Cancani-Sieberg)”.