venerdì 22 settembre 2017 15:11:34
omniroma

TERREMOTO, PIROZZI: ASSEGNATE PRIME 25 CASETTE, IL NOI HA VINTO SULL’IO

20 gennaio 2017 Cronaca, Politica, Regionale

“Le prime 25 Soluzioni abitative d’emergenza (Sae) per i cittadini di Amatrice aventi diritto, sono state assegnate attraverso un’estrazione tra le 36 domande pervenute al Comune, avvenuta questa mattina al C.o.i. (Centro operativo intercomunale). L’estrazione si è tenuta alla presenza del sindaco Sergio Pirozzi e del notaio Paolo Gianfelice e ha visto l’assegnazione di 19 case di 40 metriquadri, 5 di 60 metriquadri (5) e una di 80 metriquadri”. Così una nota del comune di Amatrice.
“Amatrice ha dimostrato di essere una comunità forte – ha dichiarato Pirozzi – mi ero appellato che facesse richiesta per l’assegnazione delle casette solo chi aveva nell’immediatezza reale necessità e così è stato, il Noi ha vinto sull’Io. Con questo sorteggio diamo certezza alle prime famiglie che potranno rientrare in casa, ora spero che possano finire il prima possibile le opere di urbanizzazione circostanti, come marciapiedi e similari. Il Genio civile sta facendo un grande lavoro, e ora ci auguriamo che continuino giorno e notte accelerando così i tempi per dare uno spazio giusto e vivibile alla mia Comunità”. Il sindaco della città reatina ha sottolineato come: “Abbiamo voluto assegnare oggi le prime Sae nonostante il meteo avverso e le nuove scosse, per dimostrare che non ci fermiamo. Abbiamo affrontato 4 terremoti, le temperature più basse di questi anni, la più grande nevicata dal 1954 , ma la nostra forza e la tigna, nonché il ricordo delle 239 persone che non ci sono più ci aiutano ad andare avanti. Non ci siamo mai fermati e non perdiamo la speranza”. “Il criterio adottato dalla città reatina prevedeva una richiesta spontanea da parte dei cittadini che ne avevano strettamente bisogno. Tra quelli, hanno avuto priorità nell’estrazione coloro che hanno una disabilità del 100%, o chi ha nel proprio nucleo familiare una persona di oltre 75 anni con almeno il 75% di disabilità”, conclude.