sabato 23 settembre 2017 13:16:36
omniroma

SPINACETO, AFFITTI IN NERO E LOCALI PRIVI DI UTENZE A STRANIERI: UNA DENUNCIA

27 dicembre 2016 Cronaca

Nell’ambito delle operazioni straordinarie di polizia amministrativa disposte dal questore D’Angelo, finalizzate alla ricerca di affittacamere e B&B abusivi, gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Spinaceto hanno controllato alcune abitazioni riconducibili a società intestate ad un cittadino italiano, tra via Mar della Cina e via Deserto del Gobi, dove sono stati trovati 14 cittadini extracomunitari con regolare permesso di soggiorno, tra i quali 3 minori. In particolare, presso l’indirizzo di via Cina, sono stati identificati 4 senegalesi, trovati in un appartamento privo di utenze relative a gas, acqua ed energia elettrica i quali, sentiti dagli investigatori, hanno riferito di corrispondere a tale S.R. un canone mensile di 600 euro, versati senza alcuna ricevuta. Inoltre, presso un appartamento adiacente, è stato identificato anche un cittadino moldavo, sempre alle dipendenze di S.R., intento a svolgere lavori di edilizia senza contratto di lavoro. A seguito di ulteriori accertamenti effettuati, è emerso che presso un centro sportivo sito in via Deserto del Gobi, i locali tecnici dello stesso erano stati trasformati in alloggi dati in affitto, senza contratto, a 9 cittadini senegalesi, a un cittadino colombiano e ad un cittadino rumeno. I locali sono stati trovati in pessime condizioni igienico sanitarie e privi di qualsiasi servizio domestico, inoltre agli agenti i cittadini hanno dichiarato di pagare un canone mensile di 600 euro corrisposti in contanti direttamente al S.R. Quest’ultimo quindi è stato sanzionato per la mancata comunicazione della cessione di fabbricato all’autorità di pubblica sicurezza, nonché denunciato alle competenti autorità per l’accertamento di presunti abusi edilizi e la mancata osservanza della normativa in materia di lavoro. Al termine del servizio, le persone controllate sono state allontanate, in quanto personale dei Vigili del Fuoco, intervenuto su chiamata della Polizia di Stato, ha dichiarato inidonei i locali per l’uso abitativo.