domenica 25 febbraio 2018 14:57:26
omniroma

SPETTACOLO DAL VIVO, OK A MODALITA’ ISCRIZIONE ALBO FESTIVAL DEL FOLKLORE

29 settembre 2016 Cronaca, Politica

“La commissione Cultura e spettacolo del Consiglio regionale del Lazio, presieduta oggi dalla vicepresidente Daniela Bianchi, ha espresso parere favorevole a maggioranza e con osservazioni sullo schema di delibera di Giunta che disciplina le modalità e le procedure per l’iscrizione all’albo regionale dei festival del folklore, nonché i criteri per la sua tenuta, revisione e aggiornamento. Astenuti il consigliere Pietro Sbardella (Misto) e i consiglieri del Movimento 5 Stelle Gaia Pernarella e Gianluca Perilli. Presente ai lavori l’assessore alla Cultura Lidia Ravera. Secondo quanto prevede lo schema di delibera – che torna ora in Giunta per l’approvazione definitiva – possono presentare richiesta di iscrizione all’albo i Comuni del Lazio che hanno promosso e organizzato nei loro territori festival di rappresentazione degli spettacoli di danza e musica popolare e folkloristica per almeno due anni nell’ultimo decennio. Si tratta, in particolare, di manifestazioni riconosciute di interesse regionale per storia, tradizione, valore artistico e culturale. L’iscrizione all’albo costituisce condizione per l’accesso ai contributi del fondo unico regionale per lo spettacolo dal vivo, sarà poi la Giunta, con un atto successivo, a individuare criteri e modalità per la concessione dei benefici agli organizzatori dei festival. Numerose le osservazioni accolte dalla commissione nel corso della seduta. Con due di esse – una presentata dai consiglieri Eugenio Patané (Pd), Pietro Petrassi (Centro Democratico), Rosa Giancola (Pd), Gian Paolo Manzella (Pd) e Sbardella e una a firma dei consiglieri Pernarella e Perilli – si chiede di estendere la possibilità di presentare la domanda di iscrizione anche alle associazioni e agli enti “che alleghino relativo parere dell’amministrazione comunale di riferimento”. Altre due si riferiscono, invece, alle procedure per richiedere l’iscrizione e suggeriscono, in particolare, che la domanda sia corredata “dall’atto autorizzativo comunale” anziché dalla “delibera di Giunta o di Consiglio comunale autorizzativa” (osservazione Petrassi) e che la relazione di accompagnamento contenga anche un riferimento all’impatto in termini turistici del festival e al coinvolgimento dei cittadini laziali residenti all’estero (osservazione Manzella). Accolta pure un’osservazione del consigliere Giancarlo Righini (FdI), fatta propria oggi dal consigliere Sbardella, che si riferisce a uno dei tre macro-criteri in base ai quali sarà effettuata la valutazione delle domande: “qualità e rilevanza culturale del festival” (fino a 50 punti su 100); “partecipazione e coinvolgimento del pubblico” (fino a 30 punti); “promozione del festival e impatto sul territorio” (fino a 20 punti). Nel dettaglio, l’osservazione invita la Giunta a rendere più oggettiva la valutazione del secondo parametro, quello della “partecipazione e coinvolgimento del pubblico”. Nel corso della seduta precede, infine, la commissione aveva accolto altre due osservazioni del consigliere Manzella, che suggerivano riformulazioni rispetto alle finalità dell’albo e alla definizione dei festival che possono richiedere l’iscrizione all’albo”. Lo comunica, in una nota, l’Area informazione del Consiglio regionale.