domenica 24 settembre 2017 10:43:25
omniroma

SICUREZZA, BILANCIO POLFER LAZIO 2016: IN CALO FURTI E RAPINE A TERMINI

4 gennaio 2017 Cronaca

E’ un bilancio positivo quello stilato dal compartimento Polizia Ferroviaria del Lazio per l’anno appena trascorso. Dodici mesi in cui gli agenti impegnati a garantire la sicurezza delle grandi stazioni, nel controllo sui migranti in transito, nell’attività di ordine pubblico e di contrasto alla criminalità hanno dovuto far fronte ad un impegno reso ancora più imponente dalla celebrazione del Giubileo. Proprio in concomitanza con l’anno santo, il normale dispositivo di sicurezza delle stazioni è stato rafforzato, in particolare presso le stazioni maggiormente interessate dal transito di viaggiatori, pellegrini e dei turisti, quali quelli di Roma Termini, Roma Tiburtina, Roma San Pietro, Roma Ostiense e Civitavecchia.
A tale scopo, in occasione del Giubileo, solo per la specialità della Polizia Ferroviaria, sono state operate aggregazioni di personale proveniente da altri Compartimenti per un numero totale di 1.126 operatori i quali hanno contribuito ai servizi di pattugliamento del territorio, in sinergia con il personale della Questura di Roma e delle altre Forze di Polizia. Il rafforzamento operato ha permesso di intensificare le attività di prevenzione con conseguente aumento del 49,33 % delle persone identificate (93.013 nel 2016 rispetto alle 62.285 del 2015).
I risultati ottenuti sul campo grazie alle attività svolte dal Compartimento Polizia Ferroviaria per il Lazio si sono concretizzati in 258 persone arrestate, 1.248 persone denunciate, 93.013 persone identificate e 1.742 contravvenzioni elevate. 258 persone arrestate, 1.248 persone denunciate, 93.013 persone identificate e 1.742 contravvenzioni elevate.
I reati “predatori” (furti, scippi, borseggi e rapine) risultano in calo, in particolare per quanto riguarda la stazione di Roma Termini, grazie al rafforzamento della vigilanza e all’installazione, alla fine dello scorso anno, di barriere a protezione delle banchine di partenza dei convogli che hanno consentito di tutelare tale area, permettendo di concentrare l’attività di prevenzione della Polizia di Stato in altre zone sensibili della stazione ferroviaria. Per quanto riguarda la specifica attività di prevenzione e repressione dei reati e degli illeciti amministrativi, nel corso dell’anno 2016 sono state impiegate 31.423 pattuglie nei servizi di vigilanza presso gli scali ferroviari e 4.454 a bordo treno mentre 3.167 sono stati i servizi antiborseggio effettuati in abiti civili. Complessivamente sono stati scortati 12.037 convogli ferroviari (con una media di circa 33 treni al giorno). L’azione di contrasto al fenomeno dell’abusivismo, è stata realizzata attraverso l’effettuazione di 112 servizi di controllo straordinario del territorio ed ha consentito di individuare e sanzionare i soggetti sorpresi ad esercitare attività commerciali senza le previste autorizzazioni nonché i viaggiatori che, imprudentemente, contravvengono alle norme che regolano il trasporto ferroviario.
Il contrasto dei furti di rame è stato realizzato attraverso 33 controlli ai centri di raccolta e recupero dei metalli e 1.754 servizi di pattugliamento delle linee ferroviarie. Non di minore rilevanza è stata l’attività connessa ai numerosi servizi di ordine pubblico che hanno interessato le aree di stazione; oltre 675 servizi predisposti in occasione di grandi eventi e/o manifestazioni, anche di protesta, che hanno richiamato numerosissime persone che hanno utilizzato il trasporto ferroviario per i loro spostamenti. Decisivi, infine, anche i servizi di contrasto all’immigrazione clandestina attraverso il controllo, in partenza, dei treni diretti verso il Nord Europa, con l’identificazione di stranieri dei quali 2 risultati in posizione irregolare sul territorio Italiano.