martedì 17 ottobre 2017 15:23:37
omniroma

SICUREZZA, 350MILA REATI IN MENO NELL’ULTIMO TRIENNIO

18 maggio 2016 Cronaca

Sono oltre 350mila in meno consumati in Italia nell’ultimo triennio. È il dato comunicato dal Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, nel corso della conferenza stampa sui risultati ottenuti in materia di sicurezza e immigrazione tra il 2013 e il 2016. In calo, rispetto al picco del 2011- 2012 (556) gli omicidi, scesi a 430 nell’ultimo anno. In flessione, stando alle tabelle stilate dal Ministero, sono soprattutto i furti (circa 1,4 milioni nell’ultimo anno). In questo caso il numero dei reati torna per la prima volta sotto i livelli del 2011-2012. Una decisa tendenza alla riduzione si è registrata anche per quanto riguarda le rapine, in calo costante dal 2013-2014.
Per quanto riguarda il contrasto alla criminalità organizzata i mafiosi arrestati nell’ultimo triennio sono 5.528 a fronte dei 7.127 del precedente; mentre i latitanti catturati 219 a fronte dei 263. Numeri che, come sottolineato da Alfano, non devono essere letti come un arretramento ma alla luce dei risultati positivi che sono stati conseguiti negli anni passati. Sul fronte dell’ordine pubblico, il dato più evidente riguarda il numero di manifestazioni gestite nel triennio: 30.937 (464 persone arrestate, 10.827 persone denunciate e 1599 feriti). Positivo anche il risultato conseguito nella lotta alla violenza nello sportg grazie alla quale si sono verificati meno incidenti e meno feriti. Grazie anche alle nuove leggi introdotte nel 2014, nell’anno in corso, gli incidenti sono diminuiti del 38%. Un dato del tutto particolare riguarda i Daspo: nel triennio in esame, su 7531 provvedimenti presi nel corso di manifestazioni sportive ben 7258 riguardano il calcio. Con il segno più anche i numeri dei successi nel settore del contrasto all’abusivismo commerciale e alla contraffazione. Sempre confrontando i due periodi presi in considerazione, il valore dei beni sequestrati è passato da 1,1 miliardi a 2,6. Un incremento del 136% sul quale hanno influito le direttive e le linee di indirizzo emanate dal Ministro dell’Interno nel 2014, le operazioni "spiagge sicure" e le linee guida per l’attività di prevenzione e contrasto della contraffazione. Crescita esponenziale per il numero di beni confiscati e restituiti alla collettività passati dai 739 del 2013 ai 3014 del 2015.