giovedì 21 settembre 2017 17:50:33
omniroma

ROGHI TOSSICI, ARPA LAZIO: PARTE MONITORAGGIO IN VIA DI SALONE

11 luglio 2017 Cronaca

“L’ARPA Lazio, su richiesta della Regione, ha avviato in data 6 luglio 2017 una campagna di monitoraggio dei microinquinanti in aria nell’area di via di Salone a Roma”. Lo si legge sulla pagina Facebook di Arpa Lazio
(Agenzia Regionale Protezione Ambiente). L’area, infatti, è interessata dalla presenza di un campo rom all’interno del quale vengono segnalate ricorrenti combustioni all’aperto di materiale vario per il recupero di metalli (ferro, rame). “Tenuto conto – si legge ancora – dei composti chimici tossici che possono essere emessi in atmosfera quando vengono bruciati materiali plastici e rifiuti vari, il monitoraggio viene svolto attraverso l’utilizzo combinato di diverse tipologie di campionamento: un deposimentro per la determinazione delle deposizioni totali (secche + umide), radielli per i composti organici volatili, biosensori (analisi dei licheni). La campagna di misura è finalizzata ad una prima analisi del fenomeno e alla messa a punto della migliore strategia di monitoraggio in termini di efficienza ed efficacia, anche al fine di definire un protocollo operativo da utilizzare successivamente in altre zone urbane. Alla data odierna sono stati istallati i primi misuratori passivi e sono stati prelevati dei licheni autoctoni come bioaccumulatori di microinquinanti (per le analisi di IPA, PCB, diossine) e di metalli (quali ferro e rame). E’ stata, inoltre avviata una collaborazione con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) sezione Geomagnetismo, Aeronomia e Geofisica Ambientale, per la possibile discriminazione mediante misure biomagnetiche delle sorgenti degli inquinanti. Nei prossimi giorni sarà istallato il campionatore detto Deposimetro 1 e un campionatore Deposimetro di ‘bianco’ presso la sede provinciale di Roma dell’ARPA Lazio. La conclusione delle attività di campionamento è prevista nel mese di agosto e successivamente si provvederà all’analisi di laboratorio e alla valutazione dei risultati. Parallelamente, entro la settimana partirà un’analoga attività di monitoraggio nell’area di Tivoli Terme. Le due iniziative sono portate avanti nel contesto di un più ampio piano di monitoraggio straordinario delle aree di Roma Capitale e limitrofe per le quali nel tempo sono pervenute numerose segnalazioni relative a fenomeni comunemente conosciuti come ‘roghi tossici’.
La necessità di effettuare rilievi per una certa durata di tempo affinché siano significativi e la complessità delle analisi non consentono di monitorare contemporaneamente ulteriori aree sensibili. Il monitoraggio sarà, però, esteso ad altre zone in maniera progressiva”.