venerdì 28 luglio 2017 14:45:48
omniroma

Rifiuti, Raggi: “È una vergogna”
Ora è scontro su tritovagliatore a Ostia

10 maggio 2017 Politica

“I rifiuti in strada sono vergognosi. I cittadini hanno ragione. Per questo ci stiamo impegnando senza sosta. Gli impianti Ama sono già al lavoro 24 ore su 24 per una pulizia straordinaria. Abbiamo messo in campo una task force per evitare cassonetti stracolmi e ringrazio i dipendenti dell’Ama che stanno lavorando in questi giorni”. Lo ha scritto su Facebook il sindaco Virginia Raggi.
“Abbiamo rafforzato i turni degli ‘squaletti’: piccoli mezzi e squadre di operatori che intervengono dopo il passaggio dei camion per pulire nei pressi dei cassonetti. Entro pochi giorni tutto tornerà alla normalità – aggiunge Raggi – L’Europa ha già detto che non si devono fare nuove discariche ed inceneritori. Noi stiamo andando in quella direzione, a differenza di qualcun altro. Abbiamo presentto un piano rifiuti fino al 2021 per invertire la tendenza e per iniziare da oggi a costruire finalmente un percorso virtuoso”.

Intanto prosegue lo scontro tra Comune e Regione. In consiglio regionale, l’assessore Buschini ha affermato che “una autorizzazione è stata chiesta soltanto ieri rispetto a una sollecitazione mia nel corso delle riunioni avute con Roma Capitale alla presenza di Ama e che secondo noi avrebbe la possibilità di lenire la situazione di oggi. Cioè l’attivazione del tritovagliatore mobile autorizzato dalla Regione a Rocca Cencia e che ci è stato chiesto di spostare nel Municipio di Ostia e che ci siamo impegnati a dare nel più breve tempo possibile, rappresentando il fatto che essendo un impianto mobile è una autorizzazione piuttosto semplice”.

“Ad Ostia non ci sarà nessun centro di raccolta dei rifiuti, è una notizia totalmente infondata che serve a creare confusione e nascondere le responsabilità della Regione Lazio e le porcate che hanno fatto in questi anni i vecchi partiti riguardo il tema dei rifiuti”, ha replicato su Facebook Paolo Ferrara capogruppo capitolino M5S.
“Il nostro piano – prosegue Ferrara – prevede tre impianti di trattamento aerobico dell’organico fuori dai centri abitati e una rivoluzione culturale che loro non sono in grado di comprendere. Cari partiti rilassatevi e godetevi il cambiamento. Può essere bello!”.