martedì 12 dicembre 2017 19:04:09
omniroma

REGIONE, ZINGARETTI: DA GIUNTA OK A NUOVA LEGGE SU PARCHI, TAGLI A POLTRONE

1 ottobre 2015 Politica

“Diminuire i costi di gestione, integrare la gestione dei monumenti naturali e dei siti Natura 2000, favorire la più ampia partecipazione attraverso la creazione della “Consulta del Parco”: questi i punti salienti della proposta di legge, approvata oggi dalla Giunta regionale per rinnovare le norme che regolano le aree naturali protette del Lazio”. Così in una nota la Regione Lazio.

“Anche in questo settore – spiega il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – abbiamo dato un taglio netto alle poltrone: sono stati infatti ridotti da sette a tre il numero dei componenti dei 13 consigli direttivi degli enti regionali che sovraintendono ai Parchi. Ecco il cuore di una delibera che mira a migliorare la pianificazione e la gestione delle aree naturali protette e rappresenta un primo passo verso l’ottimizzazione del sistema dei parchi. Essi sono da sempre per il Lazio una risorsa preziosa che intendiamo proteggere e implementare in un sistema di sinergie e di condivisione. Ora la parola passa al Consiglio”.
“Nell’atto è previsto inoltre – aggiunge Fabio Refrigeri, assessore a Infrastrutture e Ambiente – che l’Ente Parco attui la gestione integrata dei monumenti naturali e dei siti di Natura 2000, qualora si presentino caratteristiche di omogeneità territoriale e naturalistica con l’area gestita dall’Ente stesso”.
“Abbiamo deciso anche di favorire – conclude Refrigeri – mediante l’istituzione di una Consulta del Parco a titolo gratuito, la partecipazione all’attività di ogni singolo parco da parte di tutte le realtà economiche e culturali che insistono sullo stesso territorio. Stiamo parlando di un organismo composto da una rappresentanza di organizzazioni professionali agricole, operatori turistici legalmente riconosciuti ed associazioni ambientaliste, anch’esse riconosciute a livello regionale”. “La proposta di legge – conclude la nota – sarà sottoposta a breve all’esame del Consiglio Regionale”. (1 ottobre 2015)