martedì 26 settembre 2017 23:42:11
omniroma

Record delle imprese gestite da immigrati
A Roma bengalesi al primo posto

25 marzo 2016 Economia

Nel Lazio alla fine del 2015 il 15% delle imprese individuali sono gestite da cittadini extracomunitari. Un dato ben al di sopra della media nazionale (10.9%) che pone il Lazio al terzo posto in Italia in termini percentuali e al secondo in termini assoluti. E’ quanto si evince dai dati del Registro delle imprese reso noto da Unioncamere. Su 273.504 imprese individuali, infatti, nella nostra regione, 39.925 sono di imprenditori extracomunitari. Il paese “top” a livello imprenditoriale nel Lazio è il Bangladesh mentre a livello nazionale è il Marocco. A livello provinciale a Roma sono 34.329 le imprese extra-Ue su un totale di 184mila con una percentuale pari al 18.7%. Segue la provincia di Frosinone col 7% di incidenza, Latina col 6.9%, Viterbo col 5.3% e infine Rieti col 4.8%. “La presenza di piccoli imprenditori extra-UE si rivela particolarmente significativa nelle attività artigiane – si legge nel comunicato Unioncamere – oggi sono oltre 120mila, un terzo di tutte le micro-aziende di immigrati, con forti specializzazioni in settori economici quali i servizi alle imprese (dove il 23% è extra-UE), il commercio (16,4%) e le costruzioni (15,2%).
La mappa della loro presenza sul territorio vede ai primi posti Toscana, Lombardia, Liguria e Lazio (tutte con una rappresentanza di micro-imprese di immigrati superiore al 15% del totale delle imprese individuali regionali), con Prato che, dall’alto del 40,9% di imprese individuali con passaporto extra-UE, si conferma la capitale virtuale dell’imprenditoria immigrata in Italia”. “Per gli stranieri giunti in Italia aprire un’impresa è certamente un modo per integrarsi nel nostro sistema economico e sociale – commenta il Presidente di Unioncamere, Ivan Lo Bello – Gli imponenti flussi migratori con i quali ci confrontiamo richiedono sicuramente politiche di accoglienza mirate. A queste, però, si possono
affiancare strumenti e politiche di integrazione a basso costo quali quelle di supporto all’avvio dell’attività imprenditoriale. E’ questo un ambito nel quale le Camere di Commercio giocano un ruolo importante”.