mercoledì 20 giugno 2018 20:53:20
omniroma

Raggi apre Giornata Europea Cultura Ebraica
“Assessore Bilancio? Non ho letto giornali”

18 settembre 2016 Politica

Presenti anche il Presidente della Comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello e l’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Guido Fabiani.

Conferenze e concerti, mostre d’arte e passeggiate archeologiche, lezioni e spettacoli in giudaico-romanesco, muovendosi lungo il filo conduttore “Lingue e dialetti ebraici”. Sono alcune delle iniziative del programma curato dalla Comunità ebraica di Roma, in occasione della Giornata europea della cultura ebraica. L’inaugurazione ufficiale stamattina al Museo ebraico della Capitale, alla presenza del sindaco Virginia Raggi, del presidente della Comunità ebraica romana Ruth Dureghello e del prefetto Paola Basilone. A partecipare all’evento anche l’assessore capitolino alla Cultura Luca Bergamo, quello alla Cultura della Comunità ebraica di Roma, Giorgia Calò e quello allo Sviluppo economico della Regione Lazio Guido Fabiani. “Vogliamo dedicare le iniziative al presidente Carlo Azeglio Ciampi – ha annunciato Dureghello nel suo intervento – molto vicino alla comunità sia per l’amicizia personale con il rabbino Toaff sia per aver sempre sottolineato il ruolo e l’importanza degli ebrei italiani nella storia del Paese”. “È una bella sensazione essere accolti qui e capire che in realtà facciamo parte tutti della stessa comunità – ha detto Raggi – indipendentemente da quelle che sono le differenze anche religiose. Il messaggio che mi sento e credo ci sentiamo di dare è di una cultura che superi qualunque barriera. Questa è una delle chiavi per riuscire a ricomporre un tessuto che forse ultimamente viene un po’ sfrangiato da episodi terribili che dobbiamo contrastare in tutti i modi”. Per il sindaco “la memoria è quello che ci contraddistingue. Se noi non abbiamo passato, il nostro presente e soprattutto il nostro futuro sarà assolutamente incerto. Noi dobbiamo difendere e rivendicare il passato per poter dire questo è stato, queste parti sono state positive e queste sono state negative, e partire da lì per fondare un nuovo futuro che sia migliore”. Spazio poi, nel corso dell’appuntamento di stamattina, al taglio del nastro della mostra “Libro Aperto. Opere di Paola Levi Montalcini”, in prestito dalla Galleria Nazionale d’Arte moderna. Nel programma dell’evento non mancano incontri sui linguaggi, iniziative dedicate all’arte contemporanea e alla letteratura israeliana, fino alla conclusione alle 20.30 odierne, al Palazzo della Cultura, con “Ce veniti a recità?”, spettacolo in giudaico-romanesco con la compagnia teatrale “Quasi stabile” di Alberto Pavoncello, la compagnia “Quelli del Giudaico-Romanesco” e Daniele Volterra. A margine dell’evento, poi, il sindaco Raggi interpellato dalla stampa presenti sul nuovo assessore al Bilancio ha risposto: “Non ho letto i giornali”.