sabato 23 settembre 2017 14:57:22
omniroma

Prostitute minorenni arrivate con i barconi da Lampedusa
Arrestati 7 cittadini nigeriani dalla squadra mobile

12 febbraio 2016 Cronaca

Associazione a delinquere finalizzata al reclutamento, all’induzione ed allo sfruttamento della prostituzione, anche minorile, nonché procurato aborto in persona non consenziente e rapina.
Sono questi i reati di cui dovranno rispondere a vario titolo i 7 cittadini nigeriani arrestati dagli agenti della Polizia di Stato della squadra Mobile di Roma. Le indagini hanno consentito di smantellare una complessa organizzazione criminale, interamente composta da persone di etnia nigeriana, attive nello sfruttamento della prostituzione di giovani donne – loro connazionali – fatte giungere appositamente in Italia attraverso la classica rotta Nigeria-Libia-Sicilia attraverso i barconi in che dal Nord Africa arrivano a Lampedusa.
L’attività – coordinata dalla procura della Repubblica di Roma – ha portato all’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, disposta dal Gip del tribunale di Roma, a carico dei 7 cittadini nigeriani.
Nel corso delle indagini, condotte dalla 2^ Sezione della squadra Mobile – Criminalità straniera ed extracomunitaria – si è accertato come tale organizzazione criminale annoverasse esponenti in Nigeria, in Libia ed in Italia e come in particolare, nella madre patria, venisse curata la fase del reclutamento delle ragazze tramite raggiri, anche con la compiacenza delle famiglie di origine, prospettando ad esse facili guadagni nel Belpaese.