giovedì 24 agosto 2017 07:05:35
omniroma

Portonaccio, cade da grata e muore
Si indaga per omicidio colposo

10 agosto 2016 Cronaca

Tragedia in Piazza San Giuseppe Artigiano, nei pressi della Stazione Tiburtina, dove una donna italiana di 37 anni è morta precipitando in un parcheggio sotterraneo, ieri sera dopo le 23. Stando a una prima ricostruzione, la signora dopo essere entrata in un area di cantiere insieme ad un amico, un algerino trentottenne, sarebbe finita su una grata sistemata sul terreno e da lì sarebbe poi precipitata al suolo, alcuni metri più in basso, in un garage abbandonato. Un volo di alcune decine di metri che non le ha lasciato scampo. Diversa la sorte dell’uomo, che caduto insieme alla donna, si è salvato riportando alcune ferite ed è stato trasportato al Policlinico Umberto I. Non è ancora chiaro se nel cantiere, una zona poco illuminata, la grata fosse stata rimossa o se abbia ceduto sotto il peso dei due. Sul posto sono intervenuti gli uomini del commissariato San Lorenzo e quelli della scientifica.

La procura di Roma ha aperto un fascicolo a carico di ignoti in cui si ipotizza il reato di omicidio colposo. Secondo a quanto si apprende, ieri notte intorno alle 23, la donna si era appartata nell’area abbandonata insieme a un amico algerino di trentotto anni. I due, stando a quanto ricostruito dagli iquirenti, sarebbero caduti nel vuoto dopo che una grata sulla quale stavano camminando al buio ha ceduto di colpo sotto il loro peso. Un volo di alcune decine di metri che non ha lasciato scampo alla donna. Ferito invece l’algerino, che all’arrivo dei soccorsi è stato trasportato al Policlinico Umberto Primo non in gravi condizioni. La zona in cui i due si erano addentrati pur essendo recintata non era completamente chiusa da grate e transenne ed è stata posto sotto sequestro. Domani saranno conferiti gli incarichi per l’autopsia della vittima.