sabato 25 novembre 2017 08:47:45
omniroma

PIAZZA INDIPENDENZA, PREFETTURA: PRIVATO METTE A DISPOSIZIONE ALLOGGI PER 6 MESI

23 agosto 2017 Cronaca

“Nella mattinata odierna, presso la Prefettura di Roma, si è tenuta una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica volta ad esaminare – con tutti gli attori istituzionali coinvolti- soluzioni da mettere in campo per far fronte alla collocazione delle fragilità (famiglie con minori, disabili e anziani non autosufficienti), ancora presenti nello stabile di via Curtatone, sgomberato lo scorso 19 agosto”. E’ quanto si legge in una nota della prefettura di Roma.
“Durante l’incontro, a cui, oltre al Questore e ai rappresentanti delle altre Forze di polizia, hanno partecipato l’Assessore al patrimonio e alle politiche abitative di Roma Capitale, il Segretario generale della Regione Lazio ed i rappresentati dell’Assessorato comunale alla persona, scuola e comunità solidale, il Prefetto ha sollecitato tutti i presenti ad individuare una pronta risposta finalizzata a superare le criticità ancora esistenti in piazza Indipendenza.
Dopo un lungo e approfondito confronto, favorito dalla mediazione del Prefetto, è stato condivisa una soluzione che vedrà la IDEA FIMIT S.G.R., Società che ha in gestione l’immobile di via Curtatone, mettere da subito a disposizione, senza oneri per l’amministrazione comunale e per un periodo di tempo di 6 mesi, alcune proprie unità abitative per la immediata collocazione alloggiativa degli aventi titolo, secondo modalità operative da definire in un Tavolo tecnico già convocato presso l’assessorato al patrimonio.
La soluzione messa in campo, che consentirà di procedere a liberare definitivamente ed in condizioni di sicurezza l’immobile sito in via Curtatone, sarà oggetto di attento monitoraggio da parte della Prefettura che, in prossimità della scadenza del termine dei sei mesi provvederà a convocare un nuovo Tavolo, per verificare le soluzioni nel frattempo messe in campo dagli Enti istituzionali coinvolti per una gestione strutturata della problematica”.