giovedì 26 aprile 2018 03:54:28
omniroma

PEDOPORNOGRAFIA, ARRESTATO MONSIGNOR CAPELLA: IN CELLA IN VATICANO

7 aprile 2018 Cronaca

“Questa mattina, su proposta del Promotore di Giustizia, il Giudice Istruttore del Tribunale dello Stato della Città del Vaticano ha emesso un mandato di cattura a carico di Mons. Carlo Alberto Capella. Il provvedimento è stato eseguito dalla Gendarmeria Vaticana. L’imputato è detenuto in una cella della caserma del Corpo della Gendarmeria, a disposizione dell’autorità giudiziaria. L’arresto giunge al termine di un’indagine del Promotore di Giustizia. Il Giudice Istruttore ha ordinato il provvedimento sulla base dell’articolo 10, commi 3 e 5, della legge VIII del 2013”. E’ quanto si legge sul bollettino della Sala Stampa Vaticana. L’articolo in questione della legge VIII/2013 punisce il reato di pedopornografia e recita così: “1. Chiunque, utilizzando un minore, realizza esibizioni pornografiche o produce materiale pedopornografico ovvero recluta o induce un minore a partecipare ad esibizioni pornografiche, è punito con la reclusione da sei a dodici anni e con la multa da euro venticinquemila a euro duecentocinquantamila. 2. Alla stessa pena soggiace chi fa commercio del materiale pedopornografico. 3. Chiunque, al di fuori delle ipotesi di cui ai commi precedenti, con qualsiasi mezzo, anche per via telematica, distribuisce, divulga, trasmette, importa, esporta, offre, vende o detiene per tali fini materiale pedopornografico, ovvero distribuisce o divulga notizie o informazioni finalizzate all’adescamento o allo sfruttamento sessuale di minori, è punito con la reclusione da uno a cinque anni e con la multa da euro duemilacinquecento a euro cinquantamila. 4. Chiunque, al di fuori delle ipotesi di cui ai commi precedenti, offre o cede ad altri, anche a titolo gratuito, materiale pedopornografico, è punito con la reclusione fino a tre anni e con la multa da euro millecinquecento a euro quindicimila. 5. Nei casi previsti dai commi 3 e 4, la pena è aumentata ove il materiale sia di ingente quantità. 6. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque assiste all’esibizione di materiale pedopornografico, è punito con la reclusione fino a due anni e con la multa fino a diecimila euro”.