martedì 27 giugno 2017 14:15:57
omniroma

Papa Francesco in visita al Quirinale
“Generare opportunità lavoro”

10 giugno 2017 Politica

Visita di Stato per Papa Francesco che, questa mattina, è giunto al Quirinale per la visita al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Il Pontefice, che è giunto in automobile, è stato accolto da un lungo applauso di una folla di bambini, composta da scolaresche e figli dei dipendenti del Quirinale, e dall’esecuzione musicale della banda interforze.

Sceso dall’auto Papa Francesco ha stretto la mano al Capo dello Stato e scambiato con lui un saluto. Poi tra i bambini si è levato un coro “Francesco Francesco” mentre la banda iniziava a suonare. Successivamente il Papa e il Presidente della Repubblica si sono congedati dalla folla e sono entrati al Quirinale ed è iniziato il colloquio in forma privata.

“Guardo all’Italia con speranza. Una speranza che è radicata nella memoria grata verso i padri e i nonni, che sono anche i miei, perché le mie radici sono in questo Paese. – ha detto Papa Francesco – Memoria grata verso le generazioni che ci hanno preceduto e che, con l’aiuto di Dio, hanno portato avanti i valori fondamentali: la dignità della persona, la famiglia, il lavoro e questi valori li hanno posti anche al centro della Costituzione repubblicana, che ha offerto e offre uno stabile quadro di riferimento per la vita democratica del popolo. Una speranza, dunque, fondata sulla memoria, una memoria grata”.

“Ribadisco l’appello a generare e accompagnare processi che diano luogo a nuove opportunità di lavoro dignitoso. Il disagio giovanile, le sacche di povertà, la difficoltà che i giovani incontrano nel formare una famiglia e nel mettere al mondo figli trovano un denominatore comune nell’insufficienza dell’offerta di lavoro, a volte talmente precario o poco retribuito da non consentire una seria progettualità. È necessaria un’alleanza di sinergie e di iniziative perché le risorse finanziarie siano poste al servizio di questo obiettivo di grande respiro e valore sociale e non”.