sabato 23 settembre 2017 18:22:57
omniroma

OSTIA, GIOCHI DI RUOLO PER CAPIRE LA MAFIA: PRESENTATO PROGETTO SCUOLE

22 novembre 2016 Cronaca

E’ stato presentato questa mattina nel teatro Fara Nume di via Domenico Baffigo a Ostia il progetto ‘Mafia: comprenderla per combatterla’ percorsi didattici sulla legalità per le scuole superiori del X Municipio promosso dalla ‎Consulta Provinciale degli Studenti di Roma in collaborazione con l’Osservatorio tecnico scientifico per la sicurezza e la legalita’ della Regione Lazio.
L’idea del progetto a cui hanno aderito le scuole superiori del territorio e’ di seguire le scelte degli studenti che parteciperanno a un gioco di ruolo interpretando ‘personaggi’ che devono raggiungere un obiettivo: vincere le elezioni per il politico, prendere l’appalto per l’imprenditore o‎ sanare un debito per un commerciante. Successivamente i ragazzi dovranno ricostruire alcune vicende giudiziarie basandosi su fatti realmente accaduti.
“L’intento – spiegano i promotori – e’ di far percepire ai ragazzi la vicinanza delle dinamiche criminali che si sviluppano vicino a loro con la speranza che comprendendo la gravita’ scelgano ognuno a proprio modo di denunciare e contrastarle”.
“Un progetto che entra nel profondo delle scuole e puo’ essere utile – ha detto ‎nel corso del suo intervento Gianpiero Cioffredi Presidente Osservatorio Sicurezza e Legalità della Regione Lazio – Solo dalle scuole puo’ nascere un’energia positiva: faremo altri progetti perche’ Ostia non la lasciamo. A Ostia l’azione brillante delle forze di polizia ha fatto in questi anni un lavoro eccezionale ma l’azione non e’ sufficiente se non accompagnata dal disdegno civile e etico di questa societa’.‎ Non e’ piu’ tempo rimozione e minimizzazione. A Ostia la mafia c’e’ e ha nomi e cognomi: consorterie criminali che hanno applicato il metodo mafioso.‎ Sono troppo pochi quelli che hanno denunciato. Dobbiamo costruire un terreno di fiducia, una rivoluzione che dica: a Ostia non c’e’ spazio per la mafia. La maggioranza delle persone sono per bene, ma non c’e’ stato sviluppo di questo territorio perche’ sono state soffocate le energie‎”.
Cioffredi in merito all’incendio di un capannone dove erano conservate delle scenografie del teatro Fara Nume ha detto: “Solidarieta’ profonda al teatro, l’incendio ha mandato in fumo l’attrezzatura. Singolare la coincidenza con l’iniziativa di oggi, ma a prescindere dalla matrice dolosa o meno, il teatro va sostenuto e lo faremo”.
‎Alla presentazione ha partecipato tra gli altri Baldassarre Favara, presidente della Commissione consiliare speciale sulle infiltrazioni mafiose e sulla criminalità organizzata nel territorio della Regione Lazio.