mercoledì 22 novembre 2017 19:38:49
omniroma

Ostia, cibo scaduto e parassiti
Serquestrate 2 tonnellate di merce

7 agosto 2016 Cronaca

Gli agenti della Polizia locale di Roma Capitale gruppi X Mare e Spe coordinati dal comandante Antonio Di Maggio, hanno sequestrato oltre 3.000 bevande ghiacciate e due tonnellate di articoli, pronti ad essere venduti illegalmente sulle spiagge di Ostia.

I caschi bianchi seguendo i venditori abusivi‎ sono arrivati a due negozi di generi alimentari gestiti da cittadini del Bangladesh che si trovano ad Ostia nella vicinanze della stazione “lido centro”.
Ad un primo controlli gli agenti hanno scoperto che nei negozi, dove si rifornivano decine di venditori ambulanti abusivi, erano in vendita cibi in cattivo stato di conservazione e scaduti, alcuni dei quali anche da 8 mesi. I gestori sono stati denunciati. Tra gli alimenti controllati pesce, maionese, pasta, carni e diversi tipi di riso infestato da parassiti. Dopo aver sollecitato ed ottenuto l’intervento degli ispettori della Asl, la Polizia locale ha scoperto inoltre che una delle attività aveva presentato istanza di riapertura, appena 3 giorni fa, dopo la chiusura per motivi sanitari. Sarebbe, secondo quanto si apprende, la terza volta in pochi giorni, che nello stesso negozio vengono rinvenuti e distrutti, ingenti quantità di merce alimentare insalubre, che puntualmente riappare sugli scaffali. Una circostanza che ha portato gli agenti ad ipotizzare che non si tratti di errori nel controllo dei magazzini, ma di rivendite di merci destinate al ritiro ed alla distruzione, da parte delle catene di distribuzione alimentare.
Secondo quanto riferito, il prefetto Vulpiani, a capo della commissione del X Municipio, ha disposto una riunione d’urgenza, prevista per la prossima settimana, per analizzare il fenomeno e decidere le azioni a tutela della sicurezza alimentare dei consumatori sul territorio. Parteciperanno la direttrice del X Municipio Cinzia Esposito e il comandante dei vigili di Ostia, Di Maggio.