lunedì 25 settembre 2017 22:36:41
omniroma

Orfini: “Niente scuse a Roma mafia c’è”
Zingaretti: “Sentenza non è colpo spugna”

21 luglio 2017 Cronaca, Politica

 “Dobbiamo evitare il rischio di creare una grande confusione: c’è una sentenza su un processo che ha riguardato un’inchiesta su una associazione, che ha avuto l’esito che conosciamo. Ma questo non può essere usato ora per affermare che a Roma non ci sono problemi o infiltrazioni mafiose. Le infiltrazioni ci sono, sono denunciate e conosciute. Basta farsi un giro per strada, riconoscere locali sequestrati”. Cosí il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, interpellato sulle prime condanne per mafia capitale con la caduta dell’accusa di associazione di stampo mafioso, a margine di un evento presso Romeo Chef&Baker, Piazza dell’Emporio. “Oggi pomeriggio – ha aggiunto il governatore – sarò al Porto di Ostia a inaugurare le iniziative sportive delle federazioni del Coni finanziate dalla Regione Lazio in un bene sequestrato alla mafia. Le sentenze si applicano, secondo me non si commentano e se ne prende atto però nessuno si permetta di fare confusione e trasformare una sentenza su una associazione, o un caso, in un colpo di spugna sul rischio, il pericolo e la presenza di infiltrazioni mafiose nella nostra città che ci sono e vanno sempre combattute. Comunque l’inchiesta ha acceso un faro su fatti inquietanti”, ha concluso.

“Possiamo reagire in tanti modi alla sentenza di ieri, tutti ovviamente comprensibili e legittimi. Ma il più sbagliato è quello forse più diffuso in queste ore: sostenere che si dovrebbe chiedere scusa a Roma perché Roma non è una città mafiosa. Lo dico da romano innamorato della mia città: a Roma la mafia c’è. Ed è forte e radicata”. A scriverlo in un articolo pubblicato sul sito della rivista Left Wing è Matteo Orfni, presidente del Pd.