giovedì 17 agosto 2017 09:49:35
omniroma

OMICIDIO FANELLA, CHIESTA CONDANNA A 20 ANNI PER GIOVANNI BATTISTA CENITI

20 gennaio 2016 Cronaca

Venti anni di reclusione per l'omicidio di Silvio Fanella, il broker romano ritenuto in affari con Gennaro Mokbel, avvenuto nel luglio del 2014 in un appartamento nella zona di via Camilluccia. E' la richiesta di condanna avanzata dal pubblico ministero Paolo Ielo nei confronti di Giovanni Battista Ceniti, accusato di concorso in omicidio e tentato sequestro di persona. Sulla richiesta, arrivata nell'ambito di un processo con rito abbreviato, dovrà decidere il gup Simonetta D'Alessandro. Secondo la procura, Ceniti, Egidio Giuliani e Giuseppe La Rosa (questi ultimi già giudicati in altro procedimento) si sarebbero presentati a casa di Fanella vestiti da finanzieri e muniti di tutto il necessario per un sequestro. I tre, infatti, avrebbero avuto intenzione di costringere la vittima a rivelare il luogo in cui teneva nascosti diamanti e soldi di provenienza illecita. Un tentativo che, vista la resistenza offerta da Fanella, sarebbe poi terminato con l'uccisione del broker, considerato vicino all'imprenditore Gennaro Mokbel. Stando a quanto si è appreso, Ceniti, avrebbe oggi affermato in aula di voler pagare per i propri errori ma di essere andato da Fanella solamente per impossessarsi di quanto questi aveva in casa. La sentenza è fissata per il prossimo 3 febbraio.