mercoledì 20 settembre 2017 23:55:13
omniroma

‘NDRANGHETA, 5 INDAGATI IN CARCERE PER ASSOCIAZIONE A DELINQUERE

15 dicembre 2015 Cronaca

Ci sono anche dei minorenni tra gli spacciatori di cui il sodalizio criminale guidato dal trentaquattrenne Luca Cosmo si serviva per operare sulle piazze delle periferie est della capitale. Un'attività illecita che, entrata nel mirino degli inquirenti, ha portato oggi a nove arresti su ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Rosalba Liso su richiesta della direzione distrettuale antimafia. In carcere, oltre a Cosmo -che provvedeva a rifornire di droga il gruppo, approvvigionandosi in Calabria – sono finiti Antonio Santo Morabito, Franco Neroni e Cristian D'Angelo, tutti accusati, tra l'altro, di associazione a delinquere finalizzata allo spaccio con l'aggravante di “aver agevolato l'attività della 'ndrangheta con articolazioni operanti in Calabria e nel Lazio per il controllo di attività illecite sul territorio”. Misura cautelare in carcere anche per Edin Sulaj, Rocco Esposito, accusati di spaccio di sostanze stupefacenti e sequestro di persona a scopo di estorsione, e per Taison Fedorovic (solamente per il reato di spaccio). Altri due indagati, Proietti Paolo e D'Angelo Raffaella, sono invece andati agli arresti domiciliari con l'accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.