mercoledì 16 agosto 2017 19:14:02
omniroma

Municipio IV, via l’assessore Brugiotti
Sciascia (Pd): “Cacciata in maternità”

13 febbraio 2017 Politica

Sono state revocate in Municipio IV le deleghe all’assessore Emanuela Brugiotti, attualmente in maternità. In un’ordinanza di oggi, infatti, trasmessa anche al sindaco di Roma Virginia Raggi, la presidente M5s del Municipio IV, Roberta Della Chiesa annuncia la decisione di revocare la delega alla Trasparenza affidata alla Brugiotti. Già lo scorso novembre, proprio per motivazioni connesse alla maternità, alla Brugiotti era stata revocata la delega al Bilancio.
Oggi la revoca anche dell’ultima delega.
“Considerato – si legge nel testo dell’ordinanza – che l’assessora Emanuela Brugiotti ha comunicato la propria assenza con modalità che non sono disciplinate dal Regolamento del Consiglio Comunale; che in seguito non sono state ricevute dal Presidente informazioni relative ai tempi di protratta assenza senza, pertanto, mantenere contatti con la Giunta relativi al governo del Municipio; che l’assessora non ha individuato, come richiesti, gli obiettivi per l’annualità 2017 inerenti la propria delega”, per tali motivi la presidente “avoca a se’ la delega alla Trasparenza”.

Sulla vicenda è intervenuto Emiliano Sciascia, consigliere Pd già presidente del Municipio. “E alla fine la Presidente del Municipio IV revoca l’ultima delega rimasta all’Assessora Brugiotti che a novembre era andata in maternità – ha ascritto Sciascia su Facebook in un post intitolato “Cacciata assessora in maternità”- Le motivazioni? Non ha comunicato l’assenza secondo quanto previsto dal regolamento comunale (?), non ha individuato gli obiettivi 2017 (ma non era in maternità?). Ma cosa si nasconde veramente dietro a questa revoca? Cosa veramente è successo tra la Presidente e l’Assessora? Sono queste veramente le ragioni del suo allontanamento? Cosa dice l’Assessora Giuliani alle pari opportunità? Mi limito solo a ricordare che già tre mesi fa facemmo notare che l’ordinanza con cui fu tolta soltanto la delega al bilancio e mantenuta quella alla trasparenza (che viene definitivamente tolta oggi) altro non era che un anticipo di revoca ad una donna incinta che stava svolgendo il proprio ruolo in maniera corretta e competente”.