martedì 24 aprile 2018 14:39:32
omniroma

Moro, deturpata la targa commemorativa
Procura di Roma apre indagine

21 febbraio 2018 Cronaca

La targa commemorativa di Aldo Moro in via Stresa 133 all’angolo con via Fani è stata imbrattata nella notte. A quanto si è appreso sulla base di cemento della targa è stata trovata la scritta “morte alle guardie” con due svastiche ai lati. Sul posto sono intervenuti intorno alle 7 gli agenti della polizia di Stato del commissariato Monte Mario. La targa era stata momentaneamente rimossa per lavori di restauro. La procura di Roma aprirà un fascicolo di indagine in merito alle scritte comparse sulla base della lapide posta alla memoria di Aldo Moro e della sua scorta, in via Fani. Sul monumento sono state disegnate con la vernice due svastiche e la scritta “morte alle guardie”.  A breve, la polizia trasmetterà una informativa alla procura. La lapide, che era stata momentaneamente rimossa per dei lavori di restauro, ricorda gli agenti della scorta di Moro, uccisi al momento del rapimento del politico.

“Oltraggiata la memoria degli agenti di Aldo Moro uccisi in via Fani. Un insulto per tutti i cittadini, i romani e gli italiani”. Lo scrive su Twitter il sindaco di Roma Virginia Raggi.

“Imbrattare la lapide commemorativa per Aldo Moro e gli agenti uccisi in via Fani è un’autentica vergogna! Solidarietà e vicinanza alle famiglie delle vittime e alle Forze dell’Ordine. Mi auguro che i responsabili siano individuati e puniti subito”. Lo scrive in un tweet il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.