lunedì 11 dicembre 2017 12:38:32
omniroma

Grave il neonato rapito dal padre
Il bimbo è in prognosi riservata al Gemelli

20 febbraio 2017 Cronaca

Restano gravi le condizioni del neonato di due mesi e mezzo portato via dal padre 21enne dopo una violenta lite con l’ex compagna e madre del piccolo, a Monterotondo. Il bimbo è ricoverato al Policlinico Agostino Gemelli al reparto di terapia intensiva pediatrica ed è in prognosi riservata a causa di un versamento conseguenza di una frattura cranica. Il piccolo respira con un supporto respiratorio.

I due, papà e bimbo, erano stati ritrovati sabto nel centro commerciale Porta di Roma. La fuga era durata meno di 24 ore. L’uomo, con il piccolo, si era allontanato in tarda serata. Il fatto è accaduto a Monterotondo, comune alle porte di Roma. Il tutto era nato da una violenta discussione tra il giovane e la sua ex compagna, colpita al volto da un pugno. Da venerdì sera si erano perse le tracce del 21enne e del neonato. Immediate sono scattate le ricerche da parte dei Carabinieri in tutta l’area. Attivato, anche, il piano di ricerche provinciale con la Protezione civile, unità cinofile ed elicottero. L’uomo è stato individuato nel centro commerciale dagli addetti alla vigilanza che lo hanno trattenuto e poi affidato ai carabinieri. Il neonato è stato invece riconsegnato alla madre che si è  accorta della presenza di un ematoma in testa. Quindi le verifiche all’ospedale Sant’Andrea dove i medici gli hanno riscontrato un versamento. Poi il trasferimento al policlinico Gemelli dove il piccolo è stato ricoverato in prognosi riservata in neurologia pediatrica. Il padre 21enne si trova invece in caserma, sentito dai carabinieri. La posizione del giovane è al vagli dei militari che sono anche in attesa dei referti dei medici. A quanto si è appreso, il 21enne avrebbe riferito di essersi spostato da Monterotondo al centro commerciale usando treno e autobus di linea e di aver passato la scorsa notte in un rifugio di fortuna.