mercoledì 13 dicembre 2017 18:11:39
omniroma

MARCONI, SCOPERTI DA VIGILI 60 IMMIGRATI STIPATI IN 6 APPARTAMENTI

26 ottobre 2016 Cronaca

Vivevano in 10 per ogni appartamento, in condizioni igienico sanitarie precarie e stipati in pochi metri quadri ciascuno, i bengalesi in affitto e subaffitto residenti in uno stabile di proprietà privata sito in via Avicenna, zona Marconi. L’operazione, da tempo programmata e volta alla verifica della regolarità delle presenze di immigrati extracomunitari sul territorio nazionale e delle loro condizioni di salute e sicurezza, è partita stamani, prima dell’alba: dalle 6 circa numerosi agenti del Gruppo Marconi, diretto da Stefano Napoli, coadiuvati da una pattuglia del Commissariato S.Paolo della Polizia di Stato e un ispettore della Asl Rm3, sono entrati in alcuni appartamenti appartenenti ad uno stesso stabile, da tempo sotto la lente delle Forze dell’Ordine. Nel corso del sopralluogo è emerso che in 6 appartamenti controllati vivevano più di 60 persone, tutte di nazionalità bengalese, stipati in tutti gli spazi possibili (persino in bagno), il tutto in condizioni igieniche carenti e in situazioni di scarsa sicurezza. Oltre al palese sovraffollamento e a importanti problemi di ricambio dell’aria, gli agenti hanno scoperto cucine a gas ed elettriche con pentole e cibi, utenze elettriche collegate con fili scoperti e spine fuori norma potenzialmente pericolose per gli abitanti e gli altri inquilini dello stabile. In due degli appartamenti risiedevano nuclei familiari con bambini: in uno dei due, un monolocale, viveva un intero nucleo familiare con un "ospite" alloggiato nel bagno. Negli altri appartamenti vivevano solamente uomini, anch’essi identificati: molti di loro, sebbene in possesso del permesso di soggiorno, risultavano non residenti. Due extracomunitari, sprovvisti di documenti, sono stati portati presso il centro di foto-segnalamento della Questura, per la verifica delle rispettive delle posizioni: risultati clandestini, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria. La denuncia è scattata anche per un extracomunitario, titolare di un contratto di affitto che, oltre a subaffittare lucrosamente le stanze agli altri, a prezzi che variavano da 100 a 200 euro mensili, aveva attrezzato assieme alla moglie una cucina per fornire somministrazione alimentare serale a pagamento per molti connazionali. Anche la Asl ha preparato una relazione dettagliata su quanto accertato, dalla quale scaturiranno altri provvedimenti.