lunedì 25 settembre 2017 04:26:31
omniroma

Mafia capitale, Ozzimo chiede rito breve Procura dice no a patteggiamento Buzzi

3 settembre 2015 Senza categoria

Parere negativo all’istanza di patteggiamento presentata ieri dai legali di Salvatore Buzzi. Sarebbe questo, stando a quanto si apprende, l’orientamento della procura di Roma che, anche per questa seconda proposta di patteggiamento avanzata dal Ras delle cooperative, dopo quella fatta pervenire a piazzale Clodio lo scorso mese di giugno, potrebbe ribadire il suo ‘no’. Intanto, in attesa di un pronunciamento ufficiale sulla questione, i magistrati hanno chiuso l’inchiesta su Maurizio Venafro, ex capo di gabinetto della giunta regionale del Lazio, e su Mario Monge, presidente del consorzio Sol.Co. Le posizione processuali di questi ultimi se rinviati a giudizio, potrebbero dunque essere riunite con quelle degli altri 59 indagati già a processo con rito immediato.
Daniele Ozzimo, ex assessore alle politiche abitative del Comune di Roma, imputato nell’ambito dell’inchiesta Mafia capitale, ha chiesto di essere processato con rito abbreviato. A comunicare la scelta sono gli stessi legali di Ozzimo, gli avvocati Luca Petrucci e Danilo Leva, convinti che dagli atti processuali si possa dimostrare l’assoluta estraneità del loro assistito rispetto ai reati che gli vengono contestati dalla procura. Il giudizio con rito abbreviato, consentirebbe all’ex assessore nel caso in cui venisse condannato di ottenere uno sconto di pena.
(3 settembre 2015)