domenica 24 settembre 2017 03:13:06
omniroma

MAFIA CAPITALE, IMPROTA IN AULA: “NO PRESSIONI DA CORATTI SU FISCON”

17 novembre 2016 Cronaca

“Non ho sentito Coratti prima della riunione, e assolutamente non mi chiese di intervenire per evitare la sostituzione di Fiscon” in Ama. E’ quanto affermato dall’ex assessore ai trasporti di Roma, Guido Improta, rispondendo a una domanda dell’avvocato difensore di Mirko Coratti, che gli aveva domandato se, prima della seduta di giunta del 10 luglio 2014, il suo assistito lo avesse contattato. “Non conosco Fiscon”, ha aggiunto Improta, ascoltato oggi nell’aula bunker di Rebibbia davanti ai giudici della decima sezione penale, nell’ambito del maxi-processo Mafia Capitale. “Venivo visto come un corpo estraneo ed ero stato chiamato proprio per questo, per dare una inversione di rotta della situazione in cui trovava il comune di Roma”, ha aggiunto Improta. Ancora, lo stesso ex assessore, rispondendo a un’altra domanda ha concluso: “Le mie relazioni rispetto al consiglio comunale; rispetto al modo a cui io svolgevo la mia attività di indirizzo è sempre stata improntata a una modalità che non ammetteva mediazioni o discussioni di sorta, a maggior ragione in settori che non erano di mia competenza. Non avevo secondi fini; non ero interessato alla carriera politica”. Dello stesso tenore anche le risposte fornite da Luca Pancalli, ex assessore allo Sport della giunta Marino, ascoltato oggi nell’ambito del medesimo procedimento. “Non ho mai ricevuto telefonate di questo tipo nell’arco del mio impegno”, ha spiegato Pancalli. “Non conosco l’ingegnere Fiscon e, anche oggi, ho faticato a capire chi fosse. Non me lo ricordavo”.