venerdì 25 maggio 2018 22:57:37
omniroma

Lombardi: “Marra è il virus del M5S”
Grillo: “Virginia non si tocca”

15 settembre 2016 Omniparlamento, Politica

Il deputato Mimmo Pisano invita ai consiglieri a ribellarsi: “Non fatevi intimidire”

Duro attacco via Facebook della deputata Roberta Lombardi a Virginia Raggi. Al centro della contesa sempre i collaboratori stretti del sindaco, Raffaele Marra e Salvatore Romeo.  “Qualcuno si è autodefinito ‘lo spermatozoo che ha fecondato il Movimento'”, ha scritto Lombardi, rioprtando alcune dichiarazioni rilasciate nelle scorse settimane da Marra. “Io – ha aggiunto – penso che la definizione esatta sia ‘il virus che ha infettato il Movimento’. Ora sta a noi dimostrare di avere gli anticorpi. PS: poiché la trasparenza è un valore del M5S, sono sicura che il sindaco Raggi pubblicherà subito i pareri dell’Anac in suo possesso sulle nomine di Marra e Romeo”.

Sulla vicenda è intervenuto anche il deputato M5S Mimmo Pisano: “Tutti coloro che mi conoscono o che hanno seguito i miei rari interventi sulla stampa, sanno che sono sempre stato contrario alle espulsioni e lo sono ancora. Tuttavia ricordando gli anni della conclamata purificazione del M5S al Parlamento ricordo l’intransigenza con la quale tutte le questioni venivano affrontate e la aggressività nei confronti di coloro che tra i nostri eletti venivano giudicati non perfettamente coerenti con l’etica di cui (a parer loro) era intriso il nostro progetto”.
“Pur non rimpiangendo affatto l’immaturità che dimostrammo in quel ‘medioevo’ del M5S – ha aggiunto – oggi mi chiedo dove sia finita la boria e la spocchia di chi, con alzata di mano, condannò alla gogna mediatica e all’espulsione i suoi pari per delle vere e proprie fesserie. Dove sono finiti costoro di fronte al vergognoso teatrino di riciclati arnesi del corrotto sottobosco romano che sta allestendo la nostra classe politica eletta a Roma? Forse la loro mano non era alzata dai principi che sputavano in faccia ai colleghi nelle assemblee, ma dall’opportunità di ‘attaccare il ciuccio dove va il padrone’. Cosa fanno i nostri consiglieri romani di fronte all’inspiegabile inerzia di Virgina a cacciare i loschi figuri che la circondano? È a loro che mi rivolgo: non fatevi intimidire da nessuno ed esprimente con determinazione la vostra indignazione, fatelo ora o verrete accomunati a chi un giorno dovrà a tutti noi e ai cittadini romani delle spiegazioni”.

Di fronte al caos montante nel movimento è intervenuto Beppe Grillo: “Virginia Raggi è il sindaco di Roma votata da 770.564 cittadini per realizzare il programma del MoVimento 5 Stelle e ha tutta la mia fiducia. Tutto il MoVimento 5 Stelle la sostiene affinché vada avanti e porti a compimento il programma per cui è stata votata dai romani. Punto. Il MoVimento porta avanti e sostiene delle idee, non delle opinioni”, ha scritto sul suo blog il leader M5s in un post intitolato ‘Virginia non si tocca’.
“La battaglia per rimettere il volere dei romani al centro delle scelte dell’amministrazione cittadina è durissima – ha aggiunto  – gli interessi che andiamo a toccare sono enormi ma continueremo a farlo, consci dei rischi che corriamo, nel nome del bene comune. Per vincerla ci vorranno anni e l’impegno e la solidarietà di tutti i portavoce, gli iscritti, gli attivisti, i simpatizzanti e di tutti i cittadini di buona volontà. Uniti, con Virginia sindaco e i nostri principi come guida, faremo di Roma la più bella capitale del mondo. È un sogno, che come gli altri che ci hanno portato fino a qui, si realizzerà. Uniti, umili e al servizio dei cittadini”.