lunedì 25 settembre 2017 13:38:05
omniroma

LETTERATURA, COMUNE AGRIGENTO CONFERISCE CITTADINANZA A CAMILLERI

4 febbraio 2016 Omniparlamento

“Lo scrittore Andrea Camilleri ha rappresentato e rappresenta per la città di Agrigento uno dei motori nobili della sua ispirazione. Considerato il legame geografico e letterario ma anche biografico ed esistenziale che unisce l'autore alla città e per il contributo culturale straordinario dato, l'amministrazione comunale conferisce la cittadinanza onoraria di Agrigento allo scrittore Andrea Camilleri”, “il re di Girgenti”: con queste parole viene consegnata dal sindaco Lillo Firetto la pergamena con cui Andrea Camilleri diviene cittadino onorario di Agrigento. La cerimonia che si è svolta questa mattina nella sala della Protomoteca, in Campidoglio, è stata aperta dal saluto del commissario straordinario di Roma, Francesco Paola Tronca: “Oggi ci regala un momento importante, siamo veramente orgogliosi di averla qui e poterla ospitare in Campidoglio”.
Lo scrittore Andrea Camilleri, ricevendo l'onorificenza, si chiede “come si fa a non essere contenti quando un Paese ti vuole come suo cittadino? È un gesto di affetto e stima che mi commuove perché non è un gesto letterario ma umano”.
Secondo Camilleri, l'onorificenza ricevuta oggi “è una legalizzazione di una lunga convivenza, è la mia unione civile”.
Camilleri racconta di essersi “formato” ad Agrigento anche “grazie a due professori del liceo degni di essere chiamati maestri”. Ricevere la cittadinanza, aggiunge, “vuol dire che un intero paese dice che 'vogliamo che sei dei nostri', un gesto che non può che onorarti e commuoverti”.
Camilleri conclude: “Mi hanno fatto diventare concittadino di mio nonno, perché Luigi Pirandello è come se fosse stato mio nonno dal punto di vista dell'albero genealogico letterario”.
Il ministro dei Beni e delle Attività culturali, Dario Franceschini, parla di un “legame affettuoso” e che il fatto che il “luogo scelto sia stato il Campidoglio sembra indicare che è tutta l'Italia” a consegnare la cittadinanza onoraria allo scrittore.
Durante la cerimonia, l'Anas ha annunciato che la strada statale 640 Agrigento-Caltanissetta “diventerà la strada degli scrittori” con i loro nomi (ad esempio quello di Sciascia) per i singoli tratti.