venerdì 28 aprile 2017 08:12:55
omniroma

Maestre dei nidi contro la Raggi
“I bambini di Roma venduti per i voti”

 

“Il nostro lavoro non è di serie B” e “Vergogna, vergogna”, “I bambini di Roma venduti per i voti”. Questi gli slogan urlati in Piazza del Campidoglio da circa duecento educatrici degli asili nido convenzionati che stanno protestando, radunate con striscioni, fischietti trombette e altri strumenti rumorosi sulla scalinata dell’Ara Coeli per contestare la delibera della Giunta Raggi che pone per le famiglie una priorità di scelta sui nidi comunali, seppur con una serie di deroghe.
“Nidi convenzionati, la qualità che fa paura al Comune di Roma” si legge su un cartello, mentre uno striscione recita “Libertà di scelta educativa”.
“Questa delibera smantella il sistema dei nidi convenzionati e in concessione – ha spiegato Federica Cozzi di Onda gialla – Bisognava equiparare il sistema pubblico a quello integrato e invece questa delibera favorisce il privato di basso livello, perchè le tariffe imposte dal comune e a cui i nidi convenzionati e in concessione si adeguano sono diventate molto alte e le famiglie, complice la crisi, finiscono per scegliere il privato di bassa qualità”.