venerdì 22 settembre 2017 04:47:04
omniroma

LAVORO, MINISTERO: CONTROLLI ‘A TAPPETO’ IN CENTRO, 70% AZIENDE IRREGOLARI

23 dicembre 2015 Omniparlamento

“Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, per il tramite della Direzione territoriale del lavoro di Roma, nel mese di novembre ha effettuato controlli 'a tappeto' nel centro di Roma che hanno riguardato specifici settori commerciali, mirati alla verifica della regolare occupazione dei lavoratori. In particolare, sono state rafforzate le iniziative già in corso finalizzate al contrasto del lavoro sommerso, tenuto conto che l'apertura dell'anno giubilare straordinario ha comportato la nascita di nuove attività rientranti soprattutto nell'alveo dei pubblici esercizi”. Così una nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.
“Gli accertamenti ispettivi sono stati focalizzati sui seguenti settori che, in base alle preliminari attività di intelligence avviate, sono considerati particolarmente a rischio: ristoranti, esercizi commerciali di vendita al dettaglio di frutta e verdura gestiti in particolare da stranieri (di cui si è riscontrato di recente un persistente incremento) e distributori di carburante e autolavaggi gestiti da personale extracomunitario – prosegue – Complessivamente sono state ispezionate 380 aziende, di cui 270 sono risultate irregolari, con una percentuale di irregolarità pari a circa il 70%. Sono state sospese 76 attività imprenditoriali, il 20% del totale, e riscontrati 201 lavoratori in nero, di cui 20 in stato di clandestinità. Le sanzioni irrogate ammontano a circa cinquecentomila euro. La consistente irregolarità riscontrata testimonia il dilagare di un fenomeno che da un lato lede la dignità dei lavoratori, privandoli di qualsivoglia tutela e garanzia, anche con sfruttamento della condizione di 'clandestinità' e, dall'altro, produce forme di concorrenza sleale nei confronti delle aziende regolari”.