martedì 26 settembre 2017 18:10:18
omniroma

ISRAELITICO, SI CHIUDE FASE COMMISSARIAMENTO: BRUNO SED PRESIDENTE NUOVO CDA

6 novembre 2016 Cronaca

"Si è insediato il nuovo Consiglio di Amministrazione dell’Ospedale Israelitico, nominato dalla Comunità Ebraica di Roma. I consiglieri, guidati dal Presidente dell’Ente Bruno Sed, sono David Limentani, Simone Kahlun, Antonella Di Castro e Fabio Calderoni, che è stato nominato vicepresidente. Cinquantenne, avvocato romano esperto di diritto societario, da sempre attivo nella vita istituzionale e culturale degli enti ebraici, Sed traghetterà l’Ospedale in una nuova fase. Con l’insediamento del suo CdA si chiude, infatti, il periodo di commissariamento della struttura sanitaria. Dopo un anno d’intenso lavoro operato dal professor Alfonso Celotto e dal suo staff, l’Israelitico torna quindi alla gestione ordinaria".
E’ quanto si legge in una nota dell’ospedale.
“Sono orgoglioso di presiedere l’unico ospedale ente di culto ebraico d’Europa – dichiara il Presidente Sed – Ringrazio il commissario straordinario Alfonso Celotto, nominato un anno fa dalla Comunità Ebraica di Roma, che ha saputo preservare la struttura a seguito delle note vicende che hanno coinvolto in passato l’Ospedale. Il prof. Celotto ci consegna una struttura attiva e punto di riferimento per i cittadini romani e per la sanità laziale. Al fine di permettere un passaggio di consegne fluido, effettuare le migliori scelte strategiche per il bene dell’Ente e proseguire nel percorso di risanamento dell’Ospedale Israelitico il prof. resterà al fianco del CdA, come direttore generale fino alla fine dell’anno; assieme ai consiglieri neoeletti lavoreremo per potenziare la qualità dei servizi sanitari nel quadro di una sana e trasparente gestione dell’Ente. I medici e i dipendenti – conclude il Presidente dell’Israelitico – hanno passato mesi difficili, hanno saputo restare al fianco della struttura e lottare per mantenerla viva. E’ principalmente assieme a loro che il CdA vuole costruire un futuro dell’Ospedale nella sanità nel Lazio”.