venerdì 22 settembre 2017 22:47:14
omniroma

IOR, CHIESTA CONDANNA PER EX DIRIGENTI PAOLO CIPRIANI E MASSIMO TULLI

20 gennaio 2017 Cronaca

Un anno di reclusione per l’ex direttore generale dello Ior Paolo Cipriani e dieci mesi per il suo vice, Massimo Tulli. Sono le richieste di condanna avanzate dal pm Stefano Rocco Fava al giudice del tribunale monocratico di Roma. I due ex dirigenti dell’Istituto per le Opere Religiose del Vaticano sono accusati di una serie di omissioni nell’applicazione delle norme antiriciclaggio. “Per tanto tempo gli imputati, scientemente, non hanno fornito alcuna informazione alle banche -ha sottolineato il pm nella sua requisitoria- questo nel rispetto di una “mission” aziendale che non partiva però dal presidente dell’Istituto, che ricopriva una carica formale”. Nel 2010, la procura capitolina dispose il sequestro di 23 milioni di euro dell’istituto di credito. Nell’ambito del medesimo procedi la posizione dell’ex presidente dello Ior, Gotti Tedeschi, è stata archiviata dal gip nel febbraio del 2014, non essendo stata ravvisata alcuna sua responsabilità in relazione alla movimentazione delle somme di denaro. “Storicamente – ha affermato il pm Fava in un altro passaggio del suo intervento – lo Ior si è sempre relazionato con le banche italiane senza spiegare a queste che cosa realmente accadesse lì e senza fornire documentazione”.
Il processo proseguirà il prossimo mese con le arringhe dei difensori dei due imputati.