martedì 26 settembre 2017 19:56:51
omniroma

Il giorno di Padre Pio
Attese 70.000 persone

2 febbraio 2016 focus

Sono attese almeno 70 mila persone da domani a Roma per l’arrivo delle spoglie di san padre Pio e di san Leopoldo Mandic. “L’attesa per il santo di Pietrelcina sta crescendo di ora in ora. Ormai da più di una settimana qui il telefono squilla continuamente e si tratta di persone che chiedono informazioni su come arrivare e quando” dice monsignor Pietro Bongiovanni, parroco di San Salvatore in Lauro, accanto a via dei Coronari, la chiesa che a Roma viene un po’ considerata il santuario di padre Pio. Qui vi sono i gruppi di preghiera di tutto il Lazio e il 23 del mese si celebra la memoria del santo.
Infatti, in questo luogo di culto che risale al XVI secolo, vi sono reliquie come il mantello del santo e un guanto che usava per coprire le stimmate, e poi alcune bende insanguinate e alcune gocce del suo sangue. E’ anche visibile la stola con cui Padre Pio ha inaugurato la “Casa Sollievo della sofferenza”, il grande centro ospedaliero di San Giovanni Rotondo in provincia di Foggia. Nel periodo natalizio, poi, è stato esposto il bambinello in legno che il santo baciava ogni giorno.
“Padre Pio è in piena sintonia con lo spirito di questo Giubileo, la misericordia – dice monsignor Bongiovanni – Il sacramento della riconciliazione è stato al centro della sua vita. Pensi che un giorno un frate dopo ore e ore di confessione gli chiese se non fosse stanco, e lui rispose che avrebbe voluto raddoppiare il tempo da dedicare a questo sacramento. Insomma, la sua è stata una grande missione vissuta fino in fondo”.
Bongiovanni sottolinea che “ogni settimana abbiamo tre gruppi di preghiera, più i giovani, poi il 23 di ogni mese celebrano la memoria di padre Pio. In tutte queste occasioni la chiesa è stracolma, e questo è particolarmente importante per una chiesa del centro storico”.
Momenti cruciali, da quando domani arriveranno a Roma le spoglie di padre Pio, saranno la liturgia col Papa il 6 febbraio, l’esposizione a san Lorenzo fuori le Mura e a San Pietro, e il 5 alle 22 la messa a San Salvatore in Lauro celebrata da monsignor Nunzio Galantino, segretario della CEI e conterraneo di padre Pio.