giovedì 21 settembre 2017 15:52:09
omniroma

Papa Francesco apre la Porta santa a San Pietro
Ha inizio il Giubileo straordinario della Misericordia

8 dicembre 2015 Cronaca

Papa Francesco ha aperto la Porta santa e dato il via al Giubileo straordinario della Misericordia, subito dopo aver celebrato la funzione religiosa in piazza San Pietro davanti a 50.000 fedeli. Papa Francesco ha attraversato per primo la porta, seguito dal Papa emerito Benedetto XVI.

“Attraversare la Porta Santa ci faccia sentire partecipi di questo mistero di amore, di tenerezza. Abbandoniamo ogni forma di paura e di timore, perché non si addice a chi è amato; viviamo, piuttosto, la gioia dell’incontro con la grazia che tutto trasforma”, ha detto Papa Francesco durante l’omelia dopo la proclamazione del Vangelo: “Sarà un Anno in cui crescere nella convinzione della misericordia – ha detto il pontefice – Quanto torto viene fatto a Dio e alla sua grazia quando si afferma anzitutto che i peccati sono puniti dal suo giudizio, senza anteporre invece che sono perdonati dalla sua misericordia. Sì, è proprio così. Dobbiamo anteporre la misericordia al giudizio, e in ogni caso il giudizio di Dio sarà sempre nella luce della sua misericordia”.

Le file su via della Conciliazione sono cominciate fin da prima dell’alba. I pellegrini sono stati controllati uno a uno con il metal detector, ispezionati zaini e borse. Un lungo corridoio delimitato dalle transenne ha guidato i pellegrini verso la piazza dove sono stati controllati nuovamente prima di entrare. I varchi per la piazza sono stati aperti alle 6,30. Sul fronte viabilità e trasporti, nessun problema di viabilità intorno al Vaticano e metropolitane regolari.

La zona intorno al Vaticano è completamente circoscritta dagli uomini delle forze dell’ordine, e le vie limitrofe alla zona dell’evento sono chiuse al traffico per garantire la sicurezza dei visitatori. Oltre ad agenti e militari italiani, a garantire assistenza ai pellegrini ci sono anche alcuni appartenenti a forze dell’ordine di altri Paesi europei.