venerdì 22 settembre 2017 01:11:59
omniroma

Giubileo, al via da oggi il piano di sicurezza Falso allarme al traforo di via Nazionale

23 novembre 2015 Senza categoria

Parte oggi il piano sicurezza in vista del Giubileo. Le misure predisposte dal Questore, ha affermato il prefetto di Roma Franco Gabrielli, “sono molto più stringenti e di immediata percezione, ma non cambierà nulla per libertà e i diritti dei cittadini perché sono tutte disposizioni a normativa vigente. Stiamo utilizzando gli strumenti che le norme ci mettono a disposizione”. Precisa poi Gabrielli: “Se qualcuno pensa che il controllo sia la camionetta con i militari h24 in presidio lo invito a pensare a quanti luoghi” sensibili come scuole e musei “la nostra capitale vanta. Neanche l’esercito Usa potrebbe garantire questa sorveglianza e sarebbe esso stesso un motivo di sconfitta. Avremmo più militari che non cittadini. A me interessa di più – ha aggiunto – che i soggetti che non si vedono lavorino per non farci assistere a fatti come quelli di Parigi”. Per padre Federico Lombardi, direttore della Sala Stampa Vaticana, “da parte del Vaticano non c’è stata una domanda specifica per aumentare le misure di sicurezza in occasione del Giubileo”. L’organizzazione della sicurezza “dipende dalle autorità italiane e da come valutano le situazioni”. Di certo il Pontefice, per questo Giubileo della Misericordia non ha chiesto “che si faccia più di quanto è necessario fare nella prudenza e nella ragionevolezza del caso”.
In mattinata, intanto, è stata la volta di un nuovo falso allarme bomba. È stata chiusa via del Traforo sulla base di una segnalazione di poco prima delle 10.30, per la presenza di un pacco sospetto. La segnalazione era stata fatta da un cittadino, un passante, a una volante della polizia. Le verifiche previste dalle procedure hanno dato esito negativo: era solo una scatola elettrica. Terminato quindi l’intervento delle forze dell’ordine in via del Traforo le linee 71 e 117 hanno ripreso il normale itinerario.
Proprio sul tema dei falsi allarmi, il prefetto Gabrielli ha commentato: “Possono esserci anche cento falsi allarmi e poi il 101 si rivela vero. Non potendolo sapere io non mi sognerò mai di dire alle forze di polizia di non vagliare e verificare tutto. Non si sottovaluta niente: è la prima garanzia per i cittadini”. “Se questo ha creato disagi la colpa non è del sistema ma di queste persone. La mamma degli imbecilli è sempre incinta – ha detto ancora Gabrielli, parlando dei disagi provocati dai falsi allarme attentati puntualmente verificati dalle forze dell’ordine – Mi scuso con romani e turisti ma è la dimostrazione che il sistema di sicurezza esiste”. “Chiedo alle persone di comprendere che certe cose ci saranno e ci sarà una escalation man mano che ci si avvicinerà ad eventi che raccolgono attenzione anche morbosa da parte di soggetti che hanno interessi per i motivi più disparati – ha aggiunto – Perché in queste situazioni c’è lo psicopatico, lo psicolabile, chi crea confusione, chi vuole testare la risposta del sistema. C’è un mondo dietro…”.
(23 Novembre 2015)