mercoledì 23 agosto 2017 17:40:41
omniroma

Bengalese massacrato di botte in treno
È caccia agli aggressori, indaga Polfer

19 marzo 2017 Cronaca

Un cittadino di 34 anni del Bangladesh è rimasto vittima di una violenta aggressione ieri alle 11,30 sul treno Nettuno-Roma. Sulla vicenda indaga la Polfer, che ancora non ha potuto raccogliere la testimonianza dell’uomo che non può parlare a causa delle fratture riportate al volto. A dare l’allarme un passeggero, che alla fermata Lido di Lavinio ha richiamato l’attenzione del capotreno, indicandogli il cittadino bengalese in terra sul treno con il volto ricoperto di sangue. La polizia ferroviaria, dal tipo di ferite riportate dal 34enne, è certa che si tratti di un’aggressione a opera di una o più persone. Al momento non ci sarebbero testimoni, mentre vengono controllati i filmati delle telecamere poste nelle stazioni ferroviarie. Decisivo per le indagini sarà il racconto della vittima, ricoverata in ospedale ad Anzio, non appena sarà nelle condizioni di parlare. La Polfer non esclude nessuna ipotesi, dal litigio, alla rapina all’aggressione a sfondo razzista.