sabato 25 novembre 2017 01:29:24
omniroma

Ghetto, sgombero di tre famiglie
Sul posto Dureghello e Di Segni

28 luglio 2016 Cronaca

È in corso, in via Santa Maria del Pianto a Portico d’Ottavia, secondo quanto appreso dalla Comunità ebraica, lo sfratto di tre nuclei familiari con gravi disagi sociali. Il Comune di Roma, infatti, ha proceduto a portare a termine la procedura di sfratto di tre appartamenti, il cui canone di locazione però, secondo quanto riferito, “è regolarmente saldato dalla Comunità ebraica di Roma che nel 2000 ha preso in carico le famiglie, facendosi garante del loro affitto”. Sul posto, oltre a tanti residenti del quartiere che stanno portando la loro solidarietà, anche il presidente della Comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello e il Rabbino capo Riccardo Di Segni. Il problema, secondo quanto si apprende, sembra nascere dal fatto che il Campidoglio non ha portato a termine l’iter amministrativo per quanto concerne la concessione degli appartamenti. Le famiglie, per il Comune, sono quindi occupanti. Secondo quanto si apprende, il canone di affitto versato dalla Comunità ebraica per i tre appartamenti oscilla tra i 600 e gli 800 euro al mese. Tra le persone sgomberate un disabile al 100% con la madre di 80 anni, una famiglia con minori e un’altra persona affetta da disabilità.