venerdì 22 settembre 2017 08:18:15
omniroma

Orrore a Ferentino: feto nelle fogne  
Aborto provocato, indagini polizia

10 novembre 2016 Cronaca

Il corpicino di un bambino è stato ritrovato ieri nelle fogne di una zona di Ferentino. Ha ritrovarlo sono stati gli operai incaricati di disostruire la fogna che non funzionava scoprendo che il tappo era costituito proprio dal feto. Immediatamente hanno lanciato l’allarme alla polizia. Sul posto, gli agenti della questura hanno iniziato ad indagare risalendo alle case scaricavano in quella fogna individuando una giovanissima che, portata in questura insieme al compagno avrebbe fatto parziali ammissioni. Le indagini sono in corso per capire se l’aborto sia stato spontaneo o indotto e chi l’ha aiutata. Era lungo circa 20 centimetri e quando l’operaio lo ha tolto dalla conduttura fognaria, ha pensato che fosse un rifiuto contenuto in una busta di plastica. Ha scoperto dopo con orrore, che era un bambini avvolto nella placenta la cui gravidanza era stata interrotta più o meno, al quarto mese.  I primi ad arrivare sul posto sono stati gli uomini della squadra volanti della polizia diretti dal vice questore Giuseppe Di Franco. Hanno verificato la gravità della cosa e ben presto sono stati affiancati dai loro colleghi della Squadra Mobile diretta dal vice questore Carlo Bianchi. Le indagini sono arrivate alla ragazza, la 20enne rumena che, secondo una prima ricostruzione, avrebbe abortito usando un farmaco destinato alla cura dell’ulcera ma noto soprattutto perché provoca aborto in donne in stato di gravidanza. Nell’appartamento in cui la donna vive è stato ritrovato anche un biglietto di prenotazione presso un consultorio di Frosinone che rafforza l’ipotesi che fosse proprio la giovane donna ad aver abortito ma l’esame del dna non lascerà dubbi. Le ipotesi in campo vanno dall’interruzione volontaria della gravidanza senza l’assistenza medica, che prevede la pena della reclusione fino a 6 mesi, all’induzione all’aborto, punita con la pena della reclusione fino a 3 anni.