lunedì 25 settembre 2017 04:39:57
omniroma

FISCO, SEQUESTRATI BENI PER 16MLN EURO A EX CONSIGLIERE COMUNALE NETTUNO

20 gennaio 2017 Cronaca

Questa mattina i Finanzieri del Comando Provinciale di Roma stanno eseguendo la confisca di beni mobili ed immobili per un valore stimato di oltre 16 milioni di euro nei confronti di Giuliano Valente, sessantaseienne imprenditore romano, ex consigliere del Comune di Nettuno, amministratore di 37 società operanti nel settore del commercio e dell’edilizia residenziale. L’imprenditore era stato arrestato nel 2012, dopo circa due settimane di ricerche, unitamente ad altre 2 persone, per bancarotta fraudolenta, a seguito di indagini – coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma – concernenti il preordinato fallimento della società cooperativa “Capoverde Immobiliare”. Un crac finanziario, quello scoperto dagli uomini del Nucleo di Polizia Tributaria della Capitale, di oltre 4 milioni di euro, drenati dalle casse
aziendali e fatti confluire nei conti correnti personali dell’indagato e di società appositamente
costituite. L’attività investigativa, a suo tempo, ha consentito di far emergere l’illecita condotta dell’ex
consigliere comunale che, nella gestione delle suddette cooperative, aveva distratto le risorse versate dai soci e dalle banche erogatrici dei mutui per fini personali, impedendo, così, la conclusione dei lavori e la consegna agli aventi diritto delle abitazioni prenotate ed acquistate su progetto, tanto che gli stessi sono stati costretti a corrispondere, successivamente, una maggiorazione fino al 30% sul prezzo di acquisto per poter entrare in possesso dei beni già pagati. Inoltre, gli accertamenti economico-patrimoniali hanno palesato che l’imprenditore, negli anni, ha accumulato un patrimonio di entità sproporzionata rispetto ai modesti redditi dichiarati al Fisco. Alla fine del 2013, il Tribunale di Roma – Sezione Misure di Prevenzione, alla luce del quadro probatorio raccolto nel corso delle indagini, valutata la pericolosità pregressa ed attuale dell’imprenditore ed accertata la disponibilità di beni per un valore incoerente con i
redditi dichiarati da Valente e dai propri familiari, ha accolto la proposta della Procura della Repubblica della Capitale, disponendo il sequestro delle ingenti disponibilità del proposto. Da ultimo, atteso che nel corso del procedimento a suo carico Giuliano Valente non è stato in grado di giustificare la legittima provenienza dei beni, il citato Tribunale ha disposto la confisca del patrimonio illecitamente accumulato nel tempo per un valore di oltre 16 milioni di euro. L’operazione del Nucleo di Polizia Tributaria ha consentito allo Stato, in tal modo, di acquisire definitivamente 42 immobili, 2 attività imprenditoriali (un bar e uno stabilimento balneare) e 5 autovetture.