domenica 28 maggio 2017 16:53:12
omniroma

FEMMINICIDIO, BANCHIERE DEPRESSO: 55ENNE VOLEVA LASCIARLO

2 maggio 2017 Cronaca

Una storia d’amore che era giunta al termine tra Francesco Carrieri, 55 anni, dirigente del Banco Popolare, e Michela Di Pompeo, 47 anni, insegnante di italiano alla scuola germanica di Roma culminata con la morte della donna uccisa nella comune abitazione in vicolo del Babuino 7.  Il delitto è avvenuto all’alba di lunedì e indagano i carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Roma. A quanto si è appreso, i vicini raccontano di aver sentito spesso la coppia litigare urlando. Entrambi avevano due figli da precedenti matrimoni. Ad allertare i militari del delitto è stato lo stesso Carrieri che poco prima delle 6 del primo maggio si è presentato in caserma dai carabinieri autoaccusandosi di aver ucciso la compagna. Giunti sul posto i militari hanno trovato la donna riversa sul letto in un lago di sangue e con numerose ferite da corpo contundente alla testa, forse un peso da palestra. L’uomo le avrebbe praticamente fracassato la testa mentre dormiva. Poi è uscito di casa ed è andato appunto dai carabinieri. Alla base del delitto vi sarebbe la gelosia dell’uomo e la decisione della donna di chiudere la loro relazione nata circa un anno e mezzo fa. Tale decisione avrebbe portato il dirigente di banca a soffrire di depressione. In giornata il pm Pantaleo Polifemo, titolare dell’inchiesta, disporrà l’esame autoptico per fare chiarezza su quanto accaduto.