domenica 25 febbraio 2018 15:10:12
omniroma

Erdogan, allerta massima per visita
Da Questura messi in campo 3.500 uomini

31 gennaio 2018 Cronaca

Allerta massima della Questura di Roma per la visita nella capitale del presidente turco Erdogan in calendario da domenica sera per 24 ore. A quanto si e’ appreso, sono stati definiti dal Questore di Roma Guido Marino gli obiettivi prioritari da attribuire alle forze dell’ordine anche sulla base delle indicazioni emerse dal comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto da prefetto Paola Basilone. A quanto si e’ appreso negli ambienti di via di San Vitale il rischio e’ che si possano risaldare frange antagoniste chiamate dai centri sociali ritenuti piu’ attivi nella capitale e gia’ noti per proteste analoghe. Questa visita e’ infatti ritenuta come una delle piu complesse di questi anni per l’allarme terrorismo, per la congiuntura storica che vede Erdogan al centro di una forte dialettica per la sua politica. La comunita’ curda in passato si e’ infatti espressa in modo negativo con il presidente e nelle espressione di piazza affiancata con sinistra antagonista romana. Le forze dell’ordine hanno gia’ iniziato una attivita’ informativa sulla realta’ romana, nazionale e internazionale per capire cosa aspettarsi. Al momento non sono attesi arrivi per proteste. Ma sotto la lente di ingrandimento degli investigatori i movimenti romani che si starebbero gia’ attivando per esprimere dissenso nei confronti del leader turco chiedendo aiuto anche alle realta’ fuori dalla capitale. A quanto si e’ appreso il bacino potenzialmente a rischio sono circa un migliaio di persone, per lo piu appartenenti ai centri sociali, e alcune centinia di curdi che in passato gia’ protagonisti di tensioni con le forze dell’ordine. A tal fine da alcuni giorni agenti della polizia curda sono al lavoro nella capitale in coordinamento con la Questura.

Saranno circa 3,500 gli uomini in campo in occasione della visita nella capitale del presidente turco Erdogan che sara’ accompagnato dalla moglie e da alcuni ministri. Il leader arrivera’ domenica sera a Fiumicino per ripartire 24 ore dopo. Previsti incontri con il Papa, il presidente della Repubblica e il presidente del Consiglio. Come per le celebrazioni dei Trattati di Roma e’ stata istituita un’ampia area di sicurezza denominata “green Zone” dove saranno vietate manifestazioni per le giornate di domenica e lunedi. A tal fine e’ stato chiesto il rinvio delle iniziative in precedenza in calendario per quelle giornate. Questa area sara’ interessata da capillari servizi di polizia, sia con con funzione di osservazione che di immediato intervento in caso di iniziative senza preavviso.