giovedì 19 ottobre 2017 18:43:19
omniroma

DOINA MATEI, ORLANDO: EFFICACI RIMEDI VIGENTI, NESSUN VUOTO NORMATIVO

13 aprile 2016 Omniparlamento

“La magistratura di sorveglianza di Venezia ha già disposto la revoca del beneficio avendo riscontrato nel comportamento tenuto dalla donna una violazione delle prescrizioni imposte con il programma di trattamento legato alla concessione della semilibertà. Dalla lettura dell’ordinanza applicativa della semi detenzione emerge, infatti, che la concessione del beneficio era stata condizionata al rispetto di precise prescrizioni ed in particolare ad un utilizzo limitato del telefono cellulare, da utilizzare esclusivamente per comunicare con l’istituto di pena, con il datore e con singole persone preventivamente individuate. L’accesso al social network consente alla condannata di intrattenere rapporti con un numero indefinito di soggetti, ulteriori e diversi da quelli autorizzati, realizzando in tale modo la violazione. Considerata l’efficacia dei rimedi vigenti, non si ravvisano vuoti di tutela suscettibili di essere colmati con interventi normativi ulteriori”. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, rispondendo al Question time in aula alla Camera, riferendosi al caso della rumena, Doina Matei, che uccise con un ombrello Vanessa Russo.