lunedì 25 settembre 2017 13:47:12
omniroma

CUCCHI, PM CHIEDE NUOVA PERIZIA MEDICO-LEGALE IN SEDE INCIDENTE PROBATORIO

11 dicembre 2015 Cronaca

La Procura capitolina ha chiesto una nuova perizia medico-legale, in sede di incidente probatorio, nell'ambito della nuova inchiesta sulla morte di Stefano Cucchi. La richiesta è basata sulle emergenze della consulenza di Carlo Masciocchi, il radiologo e consulente della famiglia Cucchi, che alcuni mesi fa esaminando le radiografie del giovane geometra romano deceduto il 22 ottobre del 2009, ha individuato sul suo corpo una frattura lombare recente. Stando a quanto si legge nel documento la novità portata dalla consulenza di Masciocchi “rende necessaria una rivalutazione dell'intero quadro di lesività anche ai fini della sussistenza o meno di un nesso di causalità tra le lesioni patite da Stefano Cucchi a seguito del pestaggio, e l'evento morte”. Per il decesso di Cucchi, avvenuto nel reparto di medicina protetta dell'ospedale Sandro Pertini a una settimana dal suo arresto, sono indagati cinque carabinieri della stazione Roma Appia. In particolare, sono iscritti nel registro degli indagati per lesioni aggravate e abuso d'autorità i militari Alessio Di Bernardo, Raffaele D'Alessandro e Francesco Tedesco. Mentre Vincenzo Nicolardi e Roberto Mandolini, sono indagati per falsa testimonianza. Stando a quanto contestato dalla procura, Di Bernardo, D'Alessandro e Tedesco, dopo aver arrestato Cucchi per detenzione di droga e dopo aver eseguito una perquisizione domiciliare, gli avrebbero cagionato “lesioni personali”, “spingendolo e colpendolo con schiaffi e calci, facendolo violentemente cadere in terra”. Una caduta che avrebbe cagionato “la frattura della quarta vertebra sacrale della terza vertebra lombare” a Cucchi.